Come disdire Telecom: informazioni, moduli e raccomandate COMMENTA  

Come disdire Telecom: informazioni, moduli e raccomandate COMMENTA  

Come per molte compagnie di telefonia, è molto più semplice sottoscrivere un contratto piuttosto che disdirlo. E il gigante Telecom, ovviamente, non è da meno, visto che comunque la trafila per il recesso è tortuosa.


Prima di tutto bisogna compilare un modulo di recesso da scegliere in base al proprio tipo di contratto stipulati. L’ago della bilancia è il modem adsl, che può essere fornito dalla compagnia telefonica in comodato d’uso oppure acquistato. Ma attenzione: se il modem è in comodato d’uso, l’utente dovrà continuare a pagarlo anche se rinuncia al servizio, visto che il comodato d’uso prevede il pagamento del modem dopo due anni dalla stipula o al termine dell’allacciamento. E’ ancora diverso il caso dei disservizi di rete, per mancata copertura o altro. In questo caso vi è un terzo modulo differente da compilare.


Tutti i moduli sono comunque disponibili e facilmente rintracciabili sul sito web di Telecom Italia. Una volta che abbiamo compilato il nostro modulo, dovremo spedirlo con la canonica raccomandata con ricevuta di ritorno oppure via fax. C’è anche la possibilità di disdire il contratto, con effettivo valore legale, via telefono contattando un operatore.


Ma attenzione: i costi di disattivazione possono essere piuttosto elevati. Se si disdice un contratto internet entro un anno dall’attivazione, ad esempio, andremo a pagare 48 euro per il modem adsl, con penale che sale fino a 60 euro se si disdice anche il contratto telefonico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*