Come è morta Amy Winehouse COMMENTA  

Come è morta Amy Winehouse COMMENTA  

Amy Winehouse è morta per overdose di stupefacenti.

Amy Winehouse morta a 27 anni? E’ una fine molto triste della sua vita travagliata. E’ difficile credere che non ci sia più. Ho sempre creduto che sarebbe stata in grado di superare i suoi problemi di droga e alcool e che avrebbe avuto successo.


Amy è nata nel 1983 in Inghilterra ed è diventata famosa nel 2003 a soli 20 anni. Era estremamente popolare in Europa, e la sua fama è cresciuta velocemente anche in altre parti del mondo.


Il suo album di debutto Frank ha vinto il disco di platino nel 2004, ed Amy è stata  subito considerata una dellle artisti emergenti dell’ultima decade. Ha anche vinto un premio per la canzone migliore nel 2004 Stronger than me. I suoi fan amavano la sua musica e lei. Ha inciso molte altre canzoni e un secondo album nel 2006.


Il suo secondo album Back to Black le ha regalato moltissima popolarità negli Stati Uniti, e la canzone Rehab è diventata famosa in tutto il mondo. Era considerata un’artista che stava aprendo nuove porte per gli aspiranti artisti della musica che volevano fare qualcosa di diverso.

L'articolo prosegue subito dopo


Sfortunatamente, la sua fama l’ha portata subito a fare abuso di sostanze stupefacenti. Si mormorava che usasse cocaina ed eroina, e più tardi, è diventato ovvio che la droga la stava sopraffacendo. Era consapevole di essere tossicodipendente, e così ha cercato di uscirne fuori, ma sfortunatamente non è stato abbastanza.

Penso che sappiamo tutti cosa sia successo ad Amy Winehouse. Questo deve servire di lezione a tutti noi su cosa può succedere quando si inizia a fare uso di droga e alcool. Come società dovremmo cercare di aiutare in modo migliore le persone che hanno questi problemi. I tossicodipendenti dovrebbero essere chiusi in prigione? Non penso che sia la soluzione giusta.

E’ difficile credere che Amy Winehouse sia morta a 27 anni, ma credo che si debba  lavorare molto per fare in modo che queste cose non accadano più.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*