Come è nato il regime di Assad in Siria

Guide

Come è nato il regime di Assad in Siria

Il sospetto impiego di armi chimiche da parte del regime di Bashar al-Assad esige una risposta internazionale, alla quale comunque la Nato in quanto tale non parteciperà’: lo ha dichiarato il segretario generale dell’Alleanza, Anders Fogh Rasmussen, in un’intervista al quotidiano danese ‘Politiken’. “Non vedo alcun ruolo della Nato in una reazione internazionale nei confronti del regime siriano”, afferma sul giornale Rasmussen, che definisce l’eventuale uso di armi chimiche un “atto terrificante e orribile, una “evidente violazione degli standard internazionali”, un “crimine che non si può’ ignorare” e che “richiede una risposta internazionale affinché’ non avvenga di nuovo”.
Rasmussen non esita a puntare il dito contro il governo di Damasco a proposito della strage del 21 agosto scorso con presunti missili al gas nervino alla periferia est della capitale della Siria: “Non nutro alcun dubbio sul fatto che sia stato il regime a compiere quell’attacco”, denuncia il segretario generale alleato, perché a suo parere è appunto il regime a possedere arsenali chimici e “mezzi per impiegarli”, mentre “non c’e’ granché’ che indichi l’opposizione come in grado di realizzare una cosa del genere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...