Come eliminare funghi ai piedi: soluzioni naturali
Come eliminare funghi ai piedi: soluzioni naturali
Salute

Come eliminare funghi ai piedi: soluzioni naturali

Come eliminare funghi ai piedi: soluzioni naturali
Come eliminare funghi ai piedi: soluzioni naturali

Sono un problema estetico ed un fastidio. Le cause all’origine della comparsa di funghi ai piedi sono molte e Fresh Finger è il rimedio naturale giusto.

Comunemente nota con il nome di “piede dell’atleta”, il termine corretto, in realtà, comprende due condizioni specifiche che sono i “funghi ai piedi” e la micosi delle unghia, quest’ultima nota anche con il nome di “fungo dell’unghia del piede”. Le due condizioni sono piuttosto comuni e contagiose e, sebbene non sia la regola, colpiscono particolarmente chi ha un sistema immunitario debole, incapace perciò di combattere l’infezione, e chi è affetto da patologie particolarmente debilitanti. I funghi ai piedi colpiscono più frequentemente il sesso maschile, gli anziani e gli adulti. Sono soggetti particolarmente esposti al rischio e al rischio di contagio anche chi frequenta centri sportivi pubblici, come palestre o piscine. I funghi ai piedi o la micosi sono condizioni contagiose. Il contagio può essere diretto o indiretto, perché l’infezione colpisce la parte priva dei peli, per cui i frammenti della zona colpita si distaccano dal soggetto infetto e si disperdono nell’ambiente, potenziando la possibilità di contagio, ovvero, per presa di contatto di pavimenti o pedane dove prima si era poggiato il piede infetto.

Funghi ai piedi: Cause

Molto spesso, la causa dei funghi ai piedi è da ricercarsi nell’ambiente esterno, poiché questi microrganismi proliferano in ambienti caldi ed umidi o in luoghi chiusi, come, ad esempio, possono essere le scarpe.

Date peso alla vostra condizione di salute e date peso alla situazione attuale, poiché è più probabile che prendiate l’infezione da fungo se:

  • le vostre difese immunitarie sono basse;
  • siete predisposti geneticamente;
  • soffrite di cattiva traspirazione;
  • nelle vostre scarpe o calze bagnate si è prodotto un eccesso di umidità;
  • camminate abitualmente a piedi scalzi, peggio ancora se lo fate in luoghi pubblici;
  • frequentate spesso ambienti caldi o umidi e se siete in estate.

Spesso possono essere causa scatenante dell’infezione delle calze o delle scarpe troppo strette o realizzate comunque con materiali sintetici non traspiranti.

Per la maggior parte delle persone, i funghi sono un problema estetico, dato il colore giallognolo dell’unghia e la pelle eccessivamente screpolata, ma per alcune persone quest’infezione è una condizione piuttosto seria. Infatti, se il paziente ha un sistema immunitario scarso o diabetico, dovrebbe far presente la condizione al dermatologo di fiducia, perché la presenza dei funghi sui piedi può degenerare in un’ulcera del piede, giusto per citare una delle condizioni più serie.

E’ bene precisare che non bisogna allarmarsi mai per nessun problema e che, in ogni caso, è sempre preferibile un consulto con il proprio medico di fiducia, ma se temete di aver contratto un’infezione da fungo, prenotate un controllo il prima possibile. L’infezione, infatti, non passa da sola e può essere anche determinata da patologie più serie. Un consulto tempestivo, pertanto, chiarirà ogni dubbio e voi potrete iniziare subito il trattamento più adeguato. Tenete anche presente, inoltre, che una volta trattata l’infezione da fungo, questa può tornare, soprattutto se siete soggetti predisposti.

Non ignorate una potenziale infezione da funghi, perché se effettivamente l’avete contratta e la trascurate, rischiereste di far diffondere l’infezione anche su altre parti del corpo, specie sulle mani e sull’inguine.

Come trattare l’infezione da fungo lo spiegheremo più avanti, ma di certo potreste fare qualcosa per cercare di prevenire l’insorgenza dell’infezione, soprattutto se sapete di essere soggetti predisposti e frequentate luoghi affollati, come piscine, palestre e via dicendo. Per prevenire la comparsa dell’infezione da fungo evitate di indossare scarpe aperte in ambienti caldi o umidi e in tutti quei posti pubblici che sono affollati, come le piscine e le palastre, dove il rischio di contagio è chiaramente più alto, soprattutto se al rischio siete già particolarmente esposti. Non prestate le vostre scarpe ad uno sconosciuto né ad un familiare, anzi usate qualche protezione se sapete di condividere lo stesso appartamento con un soggetto infetto o che è comunque a rischio di infezione.

Funghi ai piedi: sintomi

I sintomi avvertiti dal paziente affetto da funghi ai piedi possono essere numerosi e cambiano da paziente in paziente. Inizialmente questi sono, tuttavia, lievi poiché l’infezione, in genere, interessa la zona tra il terzo e quarto dito o quella tra il quarto ed il quinto, ma se non si interviene tempestivamente, questa si estende fino ad interessare la zona che va dalla pianta al dorso del piede e diventare cronica. I microrganismi tendono a proliferare se il piede suda eccessivamente, perché in un ambiente caldo o umido. I sintomi tipici dell’infezione sono tanti e non sono tipici di ogni paziente che ne affetto, ma tra i più comuni si annoverano:

  • prurito, comparsa di eritema e rossore sulla pelle;
  • desquamazione, screpolatura ed ispessimento cutaneo;
  • prurito;
  • comparsa di vesciche in particolare sulla pianta del piede ed i bordi laterali delle dita;
  • piedi maleodoranti;
  • unghie spesse e contorte, facilmente lacerabili e tendenti alla perdita del loro colore naturale.

Nei casi in cui questa condizione venisse trascurata dal paziente che ne è affetto, potrebbe peggiorare scatenando sintomi ancora più complessi da trattare, per non parlare che questa potrebbe cronicizzarsi e non poter più essere trattata. Nei casi di trascuratezza, oltre che peggiorare nei sintomi più comuni, la cute potrebbe subire dei tagli e delle sovrainfezioni batteriche, poiché i microrganismi si nutrono di cheratina, sostanza che protegge la cute, le unghie (ed anche i capelli), che avvolge l’epidermite che, a questo punto, vedrebbe l’innescarsi di un’infezione ancora più profonda.

Se avete già subito un primo contagio, questo vi rende soggetti particolarmente esposti e le possibilità di recidiva non sono insolite, per tanto, anche quando l’infezione sarà stata trattata e curata, è fondamentale una maggiore accortezza da parte vosta per evitare e prevenire il ripresentarsi della condizione.

Seguite queste regole, qualora doveste essere soggetti particolarmente esposti al rischio di contagio, soprattutto se siete già stati contagiati una volta, per prevenire una recidiva:

  • Lavate quotidianamente i vostri piedi e fatelo in maniera corretta, asciugandoli bene;
  • Lavate le calze con dell’acqua e sostituitele con regolarità;
  • Utilizzate sempre calze realizzate con tessuto naturale;
  • Applicate sul piede, nelle scarpe e nelle calze creme antifungine;
  • Non camminate scalzi nei luoghi pubblici né in casa, se la persona infetta vive con voi, e non prestate le vostre scarpe o calze a nessuno;
  • Non indossate mai scarpe o calze strette e, se siete in un luogo pubblico, un centro sportivo, per fare la doccia, tenete sempre delle ciabatte, anche quando siete nello spogliatoio;
  • Se è possibile, evitate di frequentare i luoghi pubblici per non aumentare le possibilità di contagio.

Funghi ai piedi: Fungalorfungalor

Per concludere, i rimedi per contrastare la comparsa di questa fastidiosissima e dolorosa condizione sono tanti, ma nei casi più disperati, affidatevi a Fungalor, un rimedio naturale adatto per chiunque, sbarcato nel nostro Paese solo di recente, ma che già sta conquistando il cuore di molti, affermandosi come rimedio naturale efficace e migliore per combattere e contrastare la proliferazione dei funghi sui piedi. Fungalor è una crema antimicotica, la cui azione principale è quella di abbattere e prevenire, una volta per tutte, la ricomparsa di funghi sui piedi, grazie all’azione sinergica e combinata dei principi naturali che la compongono. Fungalor è la crema ideale non solo per trattare e curare l’infezione che già si è manifestata, alleviando gradualmente i sintomi che la accompagnano, evitandone anche l’aggravamento, ma anche di prevenirla una volta per tutte.

Gli ingredienti che compongono Fungalor sono tutti di origine naturale ed ognuno di essi, in combinazione e sinergia, cura l’infezione in maniera definitiva, contrastando una potenziale recidiva. Ecco quali sono gli ingredienti naturali che compongono Fungalor:

  • il climbazolo, che contrasta l’aggravarsi della condizione e cura quella in corso, contribuendo ad alleviare i sintomi con i quali essa si presenta;
  • il farnesolo, che ammorbidisce e disinfetta la cute;
  • la vitamina E, che ferma la desquamazione e la screpolatura della cute;
  • l’olio essenziale di menta, che contrasta l’insorgenza di una recidiva.

Se gli altri prodotti vi hanno deluso e non vi hanno dato quello che vi promettevano, non scoraggiatevi e date una possibilità a Fungalor, ma diffidate dalle imitazioni. Il prodotto, infatti, può essere acquistato solo sul suo sito ufficiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche