Come eliminare la tappezzeria dalle pareti COMMENTA  

Come eliminare la tappezzeria dalle pareti COMMENTA  

carta-da-parati

Per rimuovere la vecchia tappezzeria o la carta da parati è necessario tener conto sia del tipo di carta, sia del muro. Ma prima di tutto è necessario, ovviamente, preparare la stanza: spostate i mobili dalle pareti, copriteli con dei teli, ricoprite il pavimento con dei giornali, spegnete gli interruttori e coprite le prese con del nastro isolante per evitare che vi entri dell’acqua mentre siete al lavoro.

Vi sono tre tipi di carta: tradizionale, al vinile o rimovibile. Per capire quale vi sia toccata in sorte, prendete un angolo e provate a tirare. Se viene via con facilità e in un pezzo unico è carta rimovibile. In questo caso è sufficiente strapparla dalle pareti. Nel caso si dovesse strappare uno strato e l’altro dovesse rimanere incollato al muro, si tratta di carta al vinile. Se poi si riuscisse solo a portare via piccoli pezzi, si tratta di carta tradizionale. L’ultima è sicuramente la più difficile da trattare ed è necessario un prodotto apposito o il metodo a vapore.

Veniamo al muro. Se non sapete di che muro si tratti, provate a bussare: se suona vuoto è cartongesso, in caso contrario è intonaco. Il primo è decisamente più delicato del secondo, che è anche resistente all’acqua.

Preparate una soluzione di acqua e aceto in acqua calda (o utilizzate un solvente apposito) ed armatevi di un rullo
da imbianchino. Bagnate le pareti in orizzontale ed in verticale e, dopo qualche minuto, prendete una spatola e sollevate i lembi della carta e tiratela via dalle pareti. Ripetete il passaggio sui punti più difficili. Per la carta tradizionale serviranno due o tre passate. Se il muro è di intonaco, si può accelerare il procedimento facendo dei buchi nella carta; cosa da non fare se è di cartongesso.

L'articolo prosegue subito dopo

Una volta rimossa la carta, la parete va ripulita con del detergente.
Con una macchina a vapore, caricata con acqua calda ed aceto, si può eliminare la carta tradizionale o quella molto vecchia. In questo caso è meglio non trattare grandi superfici ma piccole porzioni eliminabili in un quarto d’ora circa. Il vapore può rovinare i muri in cartongesso ed è ben tollerato dall’intonaco.
Se la carta da parati è stata tinteggiata o ci sono molti strati sovrapposti, è meglio diluire in acqua un prodotto specifico. Esiste anche una specifica macchina a vapore che si appoggia sul muro per alcuni minuti e permette di rimuovere la carta con una spatola. La tappezzeria tinteggiata, la carta da parati lavabile o vinilica sono impermeabili. Per trattarle è bene prima passare un rullo a punte (facendo attenzione al muro). Una volta terminato, si può lavare l’intonaco con acqua calda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*