Come eliminare le cariche elettrostatiche in casa COMMENTA  

Come eliminare le cariche elettrostatiche in casa COMMENTA  

Le cariche elettrostatiche potrebbero causare alcune scosse sgradevoli quando si tocca una maniglia, cambio degli abiti o semplicemente toccare qualcun altro nella vostra casa. Aumentare l’umidità dell’aria è la chiave per ridurre l’elettricità statica. Questo è spesso più di un problema durante l’inverno a causa dell’uso di riscaldatori per la deumidificazione dell’aria. Le cariche elettrostatiche possono provocare scintille e rumori scoppiettanti. Lo shock statico è doloroso e fastidioso.

Leggi anche: Pulizie casa senza stress? Sì, con EasyFeel


istruzioni

1. Accendere un umidificatore nella vostra casa. Questo apparecchio aggiunge umidità all’aria, riducendo così le cariche elettrostatiche.

2. Utilizzare vaporizzatori nelle camere.

3. Aggiungere acqua in un bollitore da tè e portare ad ebollizione. Abbassate la fiamma. Questo vapore emesso in aria, riduce le cariche elettrostatiche. Un’altra opzione è quella di bollire l’acqua in una pentola sul fornello della cucina. Questi metodi aumentano il livello di umidità.

Leggi anche: Alcuni semplici consigli su come arredare un bagno padronale


4. Collocare le piante in tutta la casa. L’umidità nel fango evapora, alzando il livello di umidità nella vostra casa.

Leggi anche

main_parrot-pot
Casa

Vaso Parrot Pot: prezzo

Per chi trascorre lunghi periodi fuori casa innaffiare le piante rappresenta un problema, ma con il vaso Parrot Pot c'è la soluzione giusta. Quando si va in vacanza o si trascorre un lungo periodo fuori casa uno dei problemi più impellenti è quello di innaffiare le piante affinchè non muoiano. Proprio per ovviare a tale inconveniente Parrot Pot ha inventato il vaso smart, capace di collegarsi alla Rete in modalità wi-fi, dotato di un serbatoio di 2.2 litri e quattro beccucci separati. La straordinaria invenzione permette di erogare l’acqua solo quando la pianta lo richiede e nella modalità giusta. Il Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*