Come eliminare odore di pesce dalle mani

Guide

Come eliminare odore di pesce dalle mani

Fra Masterchef, Hell’s Kitchen e Benedetta Parodi dilaga ormai da tempo una delirante passione cuciniera.

E allora? C’è forse qualcosa di male nel distendersi dopo una giornata stressante con l’aiuto dei fornelli, magari preparando qualche manicaretto per le persone a cui vogliamo bene? Sicuramente no…certo, il figlio di cinque anniche al tuo gateau di tonno che ti è costato tanto impegno risponde con un disgustato “Vuoi che muoro?” è tutto un altro paio di maniche, ma per l’economia di questo articolo ci permettiamo di sorvolare.

Ora , oltre alla sfilza di critici culinari in erba in apparente possesso di un un diploma da Sgarbi degli spaghetti acquisito per via mediatica, un altro flagello afflige gli aspiranti cucinieri: il terribile puzzo di pesce che non si scolla più dalle mani (ebbene sì, qualcuno doveva pur dirvelo, fare colpo con le linguine allo scoglio e dita dall’olezzo cadaverico potrebbe essere problematico).

Niente panico, la conversione immediata al barbecue o ai germogli di soia non è necessaria, ecco una serie di consigli per scrostare dalle mani questo e altri profumini da rifiuto organico dimenticato per tre giorni nel baule dell’auto:

1 – usare i guanti (geniale, vero?)

2 – lavare le mani con sapone e acqua FREDDA (quella calda contribuisce solo a fissarlo di più)

3 – strofinare un oggetto di acciaio inossidabile

4 – strofinare le mani con un po’ di sale (altamente sconsigliato per chi sia pieno di tagli e taglietti)

5 – strofinare le mani con succo di limone/lime/mandarino/arancia (inutile dire che poi sarà un persistente profumo agrumato a impossessarsi della vostra epidermide)

6 – strofinare le mani con colluttorio

7 – strofinare le mani con aceto (altro odore poco piacevole che però scompare con l’evaporazione)

8 – strofinare le mani con un composto di aceto e bicarbonato di sodio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*