Come esfoliare la pelle COMMENTA  

Come esfoliare la pelle COMMENTA  

Almeno una volta alla settimana tutti abbiamo bisogno di fare uno scrub alla pelle. Tuttavia, oltre a queste cure settimanali, a causa di fattori come il tipo di pelle, il clima o il tempo meteorologico, abbiamo bisogno di aiuti extra.


I normali scrub possono essere troppo aggressivi per un uso frequente, quindi abbiamo bisogno di qualcosa da poter usare quotidianamente. Ecco che intervengono gli esfolianti chimici. Ce ne sono di vari tipi, ma in  questa sede si parlerà di alfa e beta idrossiacidi.


Gli esfolianti a base di alfaidrossiacidi sono consigliabili a chi ha una pelle con delle rughe sottili, danneggiata dal sole, ruvida. Questi esfolianti agiscono superficialmente sulla pelle. Gli alfaidrossiacidi possono essere una forma di acido glicolico, lattico, citrico o tartarico, che donano un aspetto sano alla pelle superficialmente. Non agiscono sul derma. Gli acidi rimuoveranno le cellule superficiali favorendo la produzione di nuove cellule sane, incrementando inoltre la produzione di collagene. Gli esfolianti a base di alfaidrossiacidi da banco contengono una bassa concentrazione di principio attivo, che va dal 5 al 10%. Sono commercializzati in diverse forme, secondo il tipo di pelle da trattare. Si trovano in versione liquida per pelli normali, gel per pelli normali-grasse, lozioni per pelli normali-secche. Gli effetti non sono di lunga durata, e si manterranno fino a quando si usa il prodotto. Per concentrazioni più alte di principio attivo c’è bisogno dell’intervento medico.


Per chi ha una pelle congestionata, con brufoli e punti neri, sarà raccomandabile un esfoliante a base di betaidrossiacidi. Questi tipi di trattamenti sono una forma di acido salicilico, non si fermano ad agire in superficie ma penetrano nei pori per una pulizia profonda. L’acido salicilico scioglierà le cellule morte e gli accumuli di sebo, restringendo i pori della pelle, evitando nuove future ostruzioni. Gli esfolianti a base di betaidrossiacidi si trovano nelle stesse forme di quelli a base di alfaidrossiacidi, e contribuiranno ad aumentare la produzione di collagene. Di solito sono commercializzati con concentrazioni di principio attivo più basse, intorno all’1 – 2%. Per concentrazioni più alte è necessaria una prescrizione medica. Anche questi trattamenti hanno effetti temporanei e dovranno essere ripetuti nel tempo.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*