Come evitare gli avvelenamenti da cibo COMMENTA  

Come evitare gli avvelenamenti da cibo COMMENTA  

Spesso sentiamo dire dai notiziari che alcune persone sono state avvelenate da cibo contaminato in qualche ristorante. Ma lo sai che il cibo potrebbe essere contaminato anche nella tua cucina? Ed hai mai sentito che la tavoletta del tuo WC potrebbe essere più pulita del tuo banco di cucina? Difficile da credere, tuttavia è vero. Potresti servire alla tua famiglia del cibo poco salutare senza nemmeno saperlo! Le contaminazioni  maggiori sono da attribuire ai batteri. Più i batteri sono presenti, più probabile patirne le conseguenze. I batteri si moltiplicano velocemente. Necessitano di umidità, cibo e tempo per prolificare. Le persone più cagionevoli di salute saranno le prime a risentirne, in quanto il loro sistema immunitario non può combatterli nello stesso modo di una persona sana. I soggetti più a rischio sono le donne incinte, i bambini e gli anziani.


Segui questi suggerimenti per mantenere la tua famiglia in buona salute.

– Compra cibi freschi e con un bell’aspetto. Non comprare la carne che comincia a diventare marrone.


– Non comprare cibi inscatolati con la confezione danneggiata.

– I cibi nel frigorifero devono essere freddi al tatto.

– I cibi congelati dovrebbero esseri duri al tatto come sassi. Tieni il tuo congelatore ad una temperatura adeguata.


– Non lasciare scongelare la carne sul banco di cucina. Falla scongelare nel frigorifero.

– Getta via la carne che è rimasta a temperatura ambiente per più di due ore.

L'articolo prosegue subito dopo


– A giorni alterni pulisci il lavello di cucina con della candeggina per eliminare i batteri che rimangono nello scarico.

– Pulisci bene il tuo tagliere. Lavalo prima con acqua calda e sapone e poi con la candeggina.

– Non mangiare uova crude. I dolci preparati con le uova crude sono altrettanto a rischio.

– Lava subito i piatti sporchi e poi lasciali asciugare.

– Dopo aver maneggiato la carne cruda, lava bene le tue mani.

– Non servire mai il cibo a tavola con gli stessi utensili usati per cucinarlo.

Seguendo questi consigli eviterai al massimo la possibilità di contaminare il tuo cibo. Sebbene alcuni siano di facile intuizione, molte persone potrebbero ignorarli. Anch’io ho lasciato i piatti sporchi nel lavandino per un giorno intero, ed ho fatto scongelare la carne dentro una pentola con un coperchio. Quindi, anche se sono regole di comune buon senso, non tutti conoscono i rischi dell’avvelenamento da cibo. I sintomi di questo malessere possono anche durare dei giorni. Possono manifestarsi con mal di pancia, vomito e diarrea, nausea e febbre. Generalmente l’avvelenamento da cibo si riscontra immediatamente, ma potrebbe manifestarsi anche dopo giorni. A volte i sintomi scompariranno da soli, ma spesso c’è la necessità di trattamento medico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*