Come fare: Castagnole Di Carnevale Alla Milanese – Ricetta dessert COMMENTA  

Come fare: Castagnole Di Carnevale Alla Milanese – Ricetta dessert COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Castagnole Di Carnevale Alla Milanese. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Uova.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Dessert
Ingrediente principale: Uova
Persone: 4

Note:
Luogo: Lombardia. Luogo: Milano.


Ingredienti:
300 G Farina Bianca
100 G Burro
60 G Zucchero
8 Uova
1 Grattugiata Scorza Di Limone
1 Pizzico Cannella In Polvere
1/2 Cucchiaino Lievito In Polvere Per Dolci
1 Spolverata Zucchero A Velo
Abbondante Olio D’oliva
1 Pizzico Sale

Preparazione:
Ponete sul fuoco in una casseruola mezzo litro d’acqua, il burro fatto a pezzetti, lo zucchero, una grattugiata di scorza di limone, la cannella, un pizzico di sale; appena l’acqua prenderà il bollore, togliete la pentola dal fuoco e versatevi subito la farina a pioggia, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno, affinché non si formino grumi. Quando tutto sarà ben amalgamato, rimettete il recipiente su fiamma bassa per 8-10 minuti, mescolando l’impasto energicamente fino a che si staccherà in blocco dalle pareti: il composto dovrà risultare sodo e liscio. A questo punto togliete la casseruola dal fuoco e lasciate intiepidire; quindi incorporate le uova, uno alla volta, e il lievito. Ponete a scaldare abbondante olio in una padella per fritti o nella friggitrice e, quando sarà caldo, ma non bollente, versatevi delle piccole quantità di pasta che modellerete a palline delle dimensioni di piccole noci. Lasciate dorare bene i tortelli da tutte le parti, poi estraeteli con un mestolo forato, passateli su carta da cucina che ne assorba l’unto in eccesso, spolverizzateli con lo zucchero a velo e serviteli ben caldi in tavola.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*