Come fare: Collo D’oca Farcito – Ricetta pollame COMMENTA  

Come fare: Collo D’oca Farcito – Ricetta pollame COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Collo D’oca Farcito. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Oca.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

 

 

Tipo di piatto: Pollame
Ingrediente principale: Oca
Persone: 4
Ingredienti:
1 Collo D’oca
360 G Polpa Di Maiale Tritata
100 G Fegato Di Maiale Tritato
1 Uovo
1 Bicchiere Brandy
1 Tartufo
Sale
Pepe
3 Fegatini D’anatra
2000 G Grasso D’oca
Gelatina (facoltativo)
Pancarré (facoltativo)

Preparazione:
Disossate il collo dell’oca, staccando la pelle con molta cura (in pratica, dovete farla ‘scivolare’ lungo il collo, estraendola come se fosse un guanto), lavatela e assicuratevi che sia intatta, altrimenti durante la cottura il ripieno potrebbe uscire. Cucite con del refe incolore uno dei due lati. Impastate il trito di polpa di maiale con quello di fegato; aggiungete l’uovo, il brandy e il tartufo tagliato a fettine. Salate e pepate. Con il composto preparato riempite la pelle del collo dell’oca, intervallando il ripieno con dei pezzetti di fegato di anatra. Cucite l’altra estremità della pelle. Fate fondere in una casseruola larga e bassa il grasso di oca, portatelo ad una buona temperatura ed immergetevi il rotolo farcito, lasciandolo cuocere, a fiamma moderatissima, per 2 ore (il grasso non deve assolutamente bollire). Trascorso questo tempo, togliete il collo dal recipiente e lasciatelo raffreddare; tagliatelo quindi a fette e servitelo su un letto di gelatina, o su crostoni di pancarré tostato. Volendo lo si può conservare anche a lungo, lasciandolo immerso nel grasso che, solidificandosi, formerà intorno al collo di oca un involucro protettivo. Questo ‘Collo d’oca farcito’ richiede un ripieno molto gustoso.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*