Come fare delle maschere facciali allo yogurt

Guide

Come fare delle maschere facciali allo yogurt

Lo yogurt contiene acido lattico, un alfa idrossiacido che si trova naturalmente nei latticini fermentati. L’alfa idrossiacido rimuove con delicatezza le cellule di pelle morta superficiali mentre protegge gli strati più profondi della pelle. Le proprietà esfolianti dell’acido lattico fanno dello yogurt un’ottima maschera per il rinnovo della pelle. Quando unito al miele, lo yogurt diventa un extra idratante ed è particolarmente adatto alla pelle secca. I mirtilli, che sono pieni di antiossidanti, aggiunti alla maschera aiutano a combattere i segni dell’età.

Istruzioni

Maschera facciale con yogurt e miele

1 Rimuovete il make-up e lavate il viso prima di applicare la maschera facciale. Tirate indietro i capelli con una banda elastica.

2 Sbattete un albume in una terrina. In una terrina a parte unite 2 cucchiaini di miele e un cucchiaino di succo di limone.

3 Mescolate l’albume nella mistura di yogurt fina che è ben amalgamato.

4 Applicate la maschera con la punta delle dita, stendendone uno strato non troppo denso su viso e collo.

Lasciate agire per 15 minuti.

5 Sciacquate via con acqua tiepida. Rimuovete i residui con un asciugamano bagnato. Fate uno sciacquo con acqua fredda per chiudere i pori, poi tamponate la pelle con un asciugamano per asciugarla.

Maschera facciale con mirtilli

6 Rimuovete il make-up e lavate il viso prima di applicare la maschera facciale. Tirate indietro i capelli con una banda elastica.

7 Unite 8 o 10 mirtilli, un cucchiaio di yogurt bianco e un cucchiaino di succo di limone nel frullatore. Frullate fino a che il composto raggiunge una consistenza cremosa.

8 Applicate la mistura con le dita, stendendone uno strato non troppo spesso su viso e collo. Lasciate agire per 15 minuti.

9 Sciacquate con acqua tiepida. Strofinate via con delicatezza ogni residuo con un asciugamano bagnato. Terminate con uno sciacquo con acqua fredda per chiudere i pori, poi asciugate la pelle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*