Come fare: Erbazzone Fritto – Ricetta antipasto COMMENTA  

Come fare: Erbazzone Fritto – Ricetta antipasto COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Erbazzone Fritto. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Bietole.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Antipasto
Ingrediente principale: Bietole
Persone: 4
Ingredienti:
1000 G Bietole Da Taglio (erbette)
100 G Burro
50 G Formaggio Grattugiato
50 G Pangrattato
2 Uova
2 Cucchiai Farina
Sale
Pepe
300 G Strutto

Preparazione:
Dopo aver ben lavato le bietole, lessatele, scolatele, strizzatele e tritatele finemente. Fatele quindi rosolare nel burro, lasciandole asciugare bene, poi toglietele dal fuoco e ponetele in una ciotola capace: unitevi il formaggio, il pangrattato e le uova frullate; aggiungete anche la farina, setacciandola, in modo che non faccia grumi; regolate infine di sale e di pepe. Mescolate ripetutamente il composto per amalgamarlo alla perfezione. Sciogliete lo strutto nella padella dei fritti e versatevi l’erbazzone, che farete cuocere bene dai due lati, voltandolo con l’aiuto di un piatto o di un coperchio, come se fosse una normale frittata. Rimestate accuratamente il composto, amalgamando alla perfezione, e fatene una palla, che metterete a riposare, coperta da un panno umido, per 40 minuti. Trascorso il tempo convenuto, stendete il composto sulla spianatoia infarinata in uno strato spesso un dito. Con un bicchierino da liquore ritagliate tanti dischi quanti ne verranno. Fate scaldare l’olio nella padella di ferro e friggetevi i dischetti, pochi alla volta, rivoltandoli affinché risultino ben dorati dai due lati. Man mano che i dischi sono pronti, passateli su un foglio di carta assorbente da cucina per privarli dell’unto in eccedenza e teneteli in caldo, sul piatto da portata. Serviteli subito.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*