Come fare il grafico di una disequazione lineare se x=0 COMMENTA  

Come fare il grafico di una disequazione lineare se x=0 COMMENTA  

Nelle vostre lezioni di algebra, vi capiterà spesso di avere delle disuguaglianze lineari, o le espressioni che assumono la forma ax + b y. Quando si devono rappresentare graficamente le disequazioni lineari, devono essere trattate come equazioni lineari, individuando i punti sul piano cartesiano. Ombreggiare la parte del grafico corrispondente alla disuguaglianza lineare e determinare se x = 0, rientra nell’area ombreggiata.

Leggi anche: Anni 80: lo zaino Invicta amato dai ragazzi


istruzioni

1, Identificare i diversi punti della disuguaglianza. Per esempio, se si fa il grafico di y <3x +1, i punti della disuguaglianza, includono (0,1), (-1, -2) e (5,16).

2. Individuare i punti sul piano cartesiano e collegarli con una linea tratteggiata.

Leggi anche: Gender nelle scuole: l’educazione in Italia


3. Ombreggiare la parte del grafico relativa alla disuguaglianza. Poiché y <3x +1, è necessario ombreggiare sotto la disuguaglianza.

4. Identificare tutti i punti per cui x = 0. Uno dei punti è sulla linea tratteggiata, (0,1), gli altri sono sopra o sotto di loro. Graficamente tutti i punti per i quali x = 0 fanno parte della disuguaglianza tracciando una linea verticale passante per il punto x = 0 sotto la disuguaglianza lineare.

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*