Come fare il visto per la Russia COMMENTA  

Come fare il visto per la Russia COMMENTA  

Il visto d’ingresso può essere richiesto presso qualsiasi Consolato Russo, presentando i seguenti documenti:

  • Passaporto con validità di almeno 6 mesi superiore alla data di previsto rientro e con almeno due pagine libere (altamente sconsigliato liberarle staccando precedenti visti!).
  • Due fototessere a colori, su sfondo bianco, formato 35×45 mm.
  • Assicurazione medico sanitaria, stipulata da una compagnia ufficialmente riconosciuta dai Consolati Russi.
  • Una copia compilata del modulo richiesta d’ingressso (da compilare online sul sito del Consolato e stampare)
  • Un invito ufficiale da parte del Dipartimento Visti Russo (OVIR) o da parte di un tour operator russo autorizzato, accompagnato da un voucher di prenotazione.

Visto Turistico per la Russia

Il visto turistico per la Russia è la soluzione migliore per viaggi brevi. Per ottenere questo tipo di visto è necessario un Invito che consiste in un voucher e una conferma di prenotazione, da parte di una società russa accreditata presso i Ministeri. Il visto russo turistico ha una durata massima di 30 giorni e date fisse non estendibili per prolungare il soggiorno.

Leggi anche: Come realizzare un centrotavola speciale!


Visto Affari per la Russia
Il visto russo per affari viene utilizzato per soggiorni superiori ad un mese o per ingressi multipli in Russia, non solo a scopo lavorativo, ma anche a scopo turistico.

Leggi anche: Capelli grassi, come fare?

Sono la soluzione migliore per chi prevede di trascorrere un lungo periodo in Russia o per chi deve recarsi più volte in Russia nell’arco di un breve periodo di tempo, sia per lavoro ma anche per chi intende visitare la Russia viaggiando in maniera indipendente.

Per ottenere un visto per affari per la Russia è necessario un invito emesso da una società russa accreditata presso i Ministeri.

Leggi anche

cetriolo di mare: ricette semplici
Guide

Cetriolo di mare: ricette semplici

Nella cucina cinese è molto usato il cetriolo di mare ma qui in occidente ancora è poco conosciuto. Vediamo come cucinare al meglio l'Oloturia La forma del cetriolo di mare è lunga come un cetriolo normale con la sola differenza che è ricoperta di spine. Viene chiamato anche Oloturia o Trepang in oriente. Molti si sono spesso domandati se fosse commestibile. Il solo aspetto del cetriolo di mare, lascia a desiderare di cucinarlo ma è comunque mangiabile. L'Oloturia ha un alto tasso di contenuto di sali minerali e di acqua e spesso questo tipo di vegetale viene cucinato in oriente. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*