Come fare in casa un frappè alla banana

I frappè alla banana sono ottimi dessert o spuntini, nutrienti e molto freschi. A seconda degli ingredienti usati essi possono avere più o meno calorie.Ogni banana contiene circa 350mg di potassio e 90 calorie.

Leggi anche: Ricetta Tiramisù all’ananas con ricotta, il tiramisù più dietetico

Per avere qualcosa di leggero potete aggiungere del latte scremato. Se invece non avete problemi di linea optate per un latte intero che renderà il frappè ancora più cremoso, se poi siete dei veri golosi aggiungeteci anche una pallina di gelato alla vaniglia.Qualunque sia il vostro frullato, light o più corposo, farlo in casa è molto semplice, il segreto è quello di usare delle banane mature.

Ingredienti:

  • 2 banane mature
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • una tazza di latte
  • 2 palline di gelato alla vaniglia (facoltativo)
  • 1/2 tazza di cubetti di ghiaccio (facoltativo)
  • frullatore

Istruzioni:

  1. Sbucciare e tagliare a pezzeti le banane poi metterle nel frullatore.

    Leggi anche: Il peso vien… bevendo! Drink e ciccia

    Se sono ben mature avranno delle chiazze marroni sulla buccia.

  2. Aggiungere alle banane l’estratto di vaniglia.
  3. Versare il latte e frullare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.
  4. Aggiungere il gelato e il ghiaccio e frullare nuovamente fino ad ottenere la giusta consistenza.

Consigli e avvertenze:

  • Per realizzare un frappè fresco e cremoso senza usare gelato e ghiaccio potete utilizzare delle banane congelate.
  • Servire il frappè immediatamente perchè le banane tendono a diventare scure molto velocemente.
  • Per qualcosa di ancora più sfizioso potete aggiungere a questi ingredienti anche fragole, cioccolato e burro di arachidi.
  • Per evitare di schizzarvi quando frullate il frappè mettete al frullatore l’apposito coperchio.

Leggi anche

http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/09/crescita-delle-stanze-in-affitto-1.jpg
Guide

Dare in affitto una o più camere, cosa c’è da sapere

In Italia, come in molti altri Paesi, il co-housing, che consiste nell’affittare una stanza per arrotondare i propri guadagni e dividere le spese, è un fenomeno sempre più diffuso. Il contratto d’affitto, infatti,  è pienamente valido anche se la locazione non riguarda un appartamento intero, ma una o più stanze. La normativa sulla locazione, dunque, non vieta di affittare porzioni limitate di un immobile purchè si rispettino gli adempimenti necessari e si dichiari il relativo reddito. Registrazione e tassazione del contratto d’affitto Anche per affittare una sola stanza è obbligatorio registrare il contratto di affitto, se la durata della locazione supera i Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*