Come fare la zuppa vegetariana di broccoli

Cucina

Come fare la zuppa vegetariana di broccoli

La zuppa di broccoli vegetariana è tipicamente costituita da una base di crema con altre verdure e spezie utilizzate per migliorare il sapore. Alcune delle aggiunte più comuni includono dragoncello schiacciato e funghi. Questa ricetta è per circa 6-8 porzioni di zuppa di broccoli vegetariana, che possono essere facilmente modificate per le diete vegane, se necessario.

Istruzioni


Quello che vi serve
1 kg di broccoli
8 once funghi freschi
1 tazza di burro non salato
1 tazza farina
4 tazze di brodo vegetale
4 tazze di latte intero
1 cucchiaino dragoncello tritato
Sale e pepe

1. Riempire una pentola con acqua e portate a ebollizione a fuoco medio-alto. Aggiungere le cimette di broccoli e far bollire per 4 o 5 minuti o finché sono tenere. Scolare l’acqua in eccesso e mettere i broccoli da parte.

2. Pulire i funghi con un panno umido. Non metterli sotto l’acqua corrente o in quanto sono in grado di assorbire l’acqua e diventano spugnosi.

Affettare sottilmente e mettere da parte.

3. Sciogliere il burro in una pentola capiente a fuoco medio. Aggiungere la farina spruzzando in una manciata alla volta continuando a mescolare con una frusta. La salsa risultante è come una crema, che viene utilizzata per addensare la zuppa.

4. Aggiungere il brodo vegetale versandolo in un flusso costante e sbattere in continuazione. Portare la miscela a ebollizione a fuoco medio-alto, e quindi ridurre il calore a medio-basso.

5. Aggiungere le cimette di broccoli, funghi, latte e dragoncello. Far bollire il brodo da 10 a 15 minuti ma non portare a ebollizione. Togliere dal fuoco e aggiungere sale e pepe a piacere. Servire immediatamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

sea-cucumber-2064541_960_720
Cucina

Come preparare i cetrioli di mare

17 ottobre 2017 di Notizie

I cetrioli di mare sono una classe degli Echinodermi. Sono diffusi sui fondali marini di tutto il mondo e sono caratterizzati da un corpo cilindrico allungato. Il loro nome deriva dalla somiglianza morfologica all’ortaggio. Questi abitanti del fondo oceanico sono prelibatezze in alcune cucine etniche. Come cucinarli e quali sono rischi di un eccessivo consumo.