Come fare: Lasagne Verdi All’emiliana – Ricetta primo COMMENTA  

Come fare: Lasagne Verdi All’emiliana – Ricetta primo COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Lasagne Verdi All’emiliana. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Lasagne Verdi.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Primo
Ingrediente principale: Lasagne Verdi
Persone: 6

Note:
Luogo: Emilia-Romagna.


Ingredienti:
450 G Pasta Tipo Lasagne Verdi
50 Cl Latte
100 G Lonza Di Maiale
100 G Manzo
100 G Prosciutto Crudo
50 G Pancetta
100 G Fegatini
30 G Farina
1/2 Bicchiere Vino Bianco Secco
80 G Burro
1 Gambo Sedano
500 G Pomodori Pelati
1 Cipolla
1 Carota
Sale
Pepe
1/2 Bicchiere Panna
50 G Formaggio Parmigiano Grattugiato
1 Cucchiaio Olio D’oliva

Preparazione:
Tritate la pancetta, la carota, la cipolla e il sedano e fateli rosolare in una casseruola con una noce di burro, a calore moderato per alcuni minuti. Unite le carni e il prosciutto macinati, lasciate insaporire per 2 minuti, poi bagnate col vino. Quando questo sarà evaporato, aggiungete i pomodori, salate, pepate e fate cuocere a fiamma bassa per 1 ora. Trascorso questo tempo unite i fegatini tritati e dopo qualche minuto la panna, quindi togliete dal fuoco. Preparate una besciamella con 40 g di burro, la farina, il latte e il sale. Lessate le lasagne in una pentola piena d’acqua bollente salata, a cui avrete aggiunto un cucchiaio d’olio d’oliva. Scolate la pasta e disponetene uno strato sul fondo di una teglia imburrata. Coprite con una parte del ragù e della besciamella, cospargete con del Parmigiano, quindi ripetete gli strati nella sequenza indicata, fino ad esaurimento degli ingredienti: dovete terminare con uno strato di besciamella e Parmigiano. Fate cuocere le lasagne nel forno a 200 gradi per 30 minuti e servite.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*