Come fare: Parrozzo – Ricetta dessert COMMENTA  

Come fare: Parrozzo – Ricetta dessert COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Parrozzo. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Cioccolato.

Leggi anche: Sorprese di Halloween: come fare una dolce ragnatela

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Dessert
Ingrediente principale: Cioccolato
Persone: 4
Ingredienti:
100 G Farina
100 G Fecola Di Patate
250 G Zucchero
150 G Burro
250 G Cioccolato Di Copertura
100 G Mandorle Sgusciate
12 Mandorle Amare
6 Uova

Preparazione:
Scottate tutte le mandorle in acqua bollente, poi pelatele, mettetele in un mortaio e pestatele riducendole in polvere. Sciogliete il burro in un tegamino tenendo da parte quello che servirà per imburrare la tortiera. Versate in una terrina i tuorli e lo zucchero, montateli bene sbattendoli a lungo, aggiungete poi la polvere di mandorle, quindi alternandole fra loro e setacciandole la farina e la fecola. Per ultimo unite il burro sciolto e fatto raffreddare. Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al composto. Versate il tutto in una tortiera imburrata e infornate per 40 minuti a 180 gradi. A cottura ultimata, lasciate raffreddare e sformate. Tagliuzzate il cioccolato di copertura, fatelo sciogliere a fuoco bassissimo quindi versatelo sul dolce stendendolo uniformemente in uno strato sottile con una spatola. Non appena la copertura si sarà rappresa, trasferite il parrozzo su un piano di portata e servite.

Leggi anche: Come fare: Crostata Alle Erbe – Ricetta antipasto


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*