Come fare: Petti Di Pollo In Carpione – Ricetta pollame COMMENTA  

Come fare: Petti Di Pollo In Carpione – Ricetta pollame COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Petti Di Pollo In Carpione. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Pollo.

Leggi anche: Ricetta Insalata Di Sedano E Patate Al Tartufo

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Pollame
Ingrediente principale: Pollo
Persone: 4
Ingredienti:
2 Petti Di Pollo
2 Uova
30 G Burro
2 Bicchieri Aceto Di Vino
1/2 Bicchiere Vino Bianco Secco
1 Cipolla
1 Carota
4 Foglie Salvia
1 Costa Sedano
2 Spicchi Aglio
Pangrattato
Poco Olio D’oliva
Sale
Pepe

Preparazione:
Tagliate ogni petto a metà e battete la carne per assottigliarla. Lasciate le cotolette immerse per un quarto d’ora nelle uova sbattute leggermente salate e poi passatele nel pangrattato. Scaldate in un tegame una noce di burro con due cucchiai d’olio e fatevi dorare a fiamma moderata per una decina di minuti i petti di pollo da entrambe le parti. Intanto preparate la marinata. Rosolate in poco olio la cipolla, il sedano e la carota tagliati a fettine, regolate sale e pepe, aggiungete l’aceto e il vino. Appena raggiunta l’ebollizione ritirate dal fuoco. A questo punto unite la salvia e l’aglio a fettine. Versate la marinata calda sulle cotolette. Lasciate raffreddare poi mettete in frigorifero per almeno 4 ore prima di servire. È una preparazione gradevole e saporita che offre il vantaggio di essere preparata anche con un giorno di anticipo.

Leggi anche: Ricetta Pesce Spada Marinato Con Scaglie Di Formaggio Parmigiano, Menta E Pere


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*