Come fare: Presnitz – Ricetta dessert

Guide

Come fare: Presnitz – Ricetta dessert

Ecco la ricetta del giorno: Presnitz. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Mandorle.
Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Dessert
Ingrediente principale: Mandorle
Persone: 4

Note:
Luogo: Friuli. Luogo: Trieste.

Ingredienti:
Per La Sfoglia:
1 Confezione Pasta Sfoglia (o Pasta Da Strudel)
Per Il Ripieno:
200 G Mandorle Pelate Tritate
200 G Noci Tritate
100 G Uvetta Sultanina
100 G Pinoli
100 G Burro
50 G Zucchero
50 G Frutta Candita
1 Uovo
Farina
Rum

Preparazione:
Scongelare la sfoglia. Ammollare l’uvetta passa in rum (o in acqua tiepida se si è astemi). Spolverare il piano di lavoro di farina e con il matterello formare un quadrato di circa 30 cm. Ricoprire con mandorle, noci, uva passa, pinoli, fiocchi di burro, frutta candita a pezzetti e spolverare di zucchero, avendo cura di lasciare liberi i bordi per la larghezza di circa 2 cm.

Rompere l’uovo separando tuorlo da albume. Spalmare con un pennello l’albume sui bordi della sfoglia, arrotolarla su se stessa; fare pressione sui bordi per sigillare. Imburrare una teglia, disporvi il rotolo con la forma di un ferro di cavallo o di una spirale. Spennellare con il tuorlo. Cucinare 45 minuti-60′ (dipende dal forno) e sfornare. Lasciar raffreddare. Avvolgere in una stagnola e lasciar riposare una settimana. Consumare il giorno di Pasqua. Nota: dolce pasquale triestino, ricetta di famiglia. Il Presnitz appartiene alla numerosissima famiglia degli Strudel (che in tedesco vuol dire vortice, gorgo) di cui noi conosciamo solo l’apfelstrudel (strudel di mele). E’ stato creato dall’allora più famoso pasticciere triestino in occasione della visita della principessa Sissi (moglie di Francesco Giuseppe) a Trieste, ed a lei dedicato.

Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*