Come fare ricorso multa strisce blu COMMENTA  

Come fare ricorso multa strisce blu COMMENTA  

In casi del genere è bene fare ricorso al prefetto, oppure al giudice di pace. Il ricorso è un diritto per gli automobilisti, in merito ai divieti di sosta su strisce blu, in strade ove non sia rispettato l’obbligo di presenza parcheggi non a pagamento.

La stessa Corte di Cassazione ha infatti deciso che se un determinato comune non riesce a dimostrare la presenza di parcheggi gratuiti, nei pressi di quelli a pagamento, il giudice può tranquillamente annullare la sanzione.  Un altro buon motivo per cui annullare la multa è per esempio il caso in cui vi sia un ritardo della notifica della sanzione, qualora dovesse pervenire oltre i 90 giorni previsti dal regolamento.

Esistono inoltre imperdonabili vizi di forma contenuti nei verbali, che, in quanto errori, eliminano automaticamente il valore della multa. Uno dei più classici è la mancata presenza di cartelli stradali, che indicano autovelox nei dintorni.

Ricordate, che se volete fare ricorso al prefetto, dovrete agire entro 60 giorni dalla notifica della multa, presso il Comando di Polizia Municipale, oppure presso la Prefettura del capoluogo di provincia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*