Come fare: Tacchinella Glassata – Ricetta pollame COMMENTA  

Come fare: Tacchinella Glassata – Ricetta pollame COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Tacchinella Glassata. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Tacchinella.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Pollame
Ingrediente principale: Tacchinella
Persone: 8
Ingredienti:
1 Tacchinella Da 1500 G
500 G Castagne Lessate
40 G Burro
20 G Funghi Secchi
1 Scorza D’arancia
1 Mazzetto Aromatico
1 Costa Sedano
1 Carota
1 Cipolla
1/2 Bicchiere Vino Bianco Secco
1/2 Bicchierino Vino Marsala Secco
Brodo
Olio D’oliva
Sale
Pepe

Preparazione:
Fiammeggiate la tacchinella, lavatela, asciugatela, insaporitela dentro e fuori con sale e pepe. Farcitela con il mazzetto di erbe odorose, la buccia d’arancia tagliata a filetti molto sottili e adagiatela in una teglia piuttosto grande. Irroratela d’olio, ponete in forno preriscaldato a 200 gradi e cuocete fino a quando la pelle assume un colore dorato. A questo punto riducete il calore a 170 gradi, spruzzate la tacchinella con il vino e proseguite la cottura bagnandola di tanto in tanto con un po’ di brodo tiepido. Trascorse 2 ore dall’inizio della cottura aggiungete nel recipiente carota, sedano e cipolla tritati, coprite il volatile con un foglio di carta d’alluminio e proseguite la cottura per mezz’ora. In un tegame a parte lasciate insaporire nel burro le castagne lessate e i funghi ammollati e strizzati, insaporite con un cucchiaio del sugo della tacchinella, il vino Marsala, salate, pepate e lasciate sobbollire fino a quando si addensa. Ritirate la tacchinella, adagiatela sul piatto da portata, contornatela con le castagne glassate e versate la restante salsa calda in salsiera. Vini di accompagnamento: Roero “Superiore” DOC, Montefalco Rosso DOC, Aglianico Del Vulture “Vecchio” DOC.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*