Come fare: Torta Delle Demoiselles Tatin - Ricetta dessert - Notizie.it
Come fare: Torta Delle Demoiselles Tatin – Ricetta dessert
Guide

Come fare: Torta Delle Demoiselles Tatin – Ricetta dessert

Ecco la ricetta del giorno: Torta Delle Demoiselles Tatin. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Pasta Sfoglia.
Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Dessert
Ingrediente principale: Pasta Sfoglia
Persone: 4
Ingredienti:
220 G Pasta Sfoglia
150 G Burro
170 G Zucchero
2 Cucchiai Miele
6 Mele Sbucciate
1 Limone (scorza Grattugiata)
1 Cucchiaio Aghi Di Rosmarino Fresco

Preparazione:
Scongelare una confezione di pasta sfoglia (circa 220 g). Spianarla formando un disco di circa 22 cm. di diametro che si conserverà, su di un piatto, in frigo. In un tegame antiaderente mettere 150 g di burro, 170 di zucchero e due cucchiai di miele, scaldando su fuoco moderato e mescolando ogni tanto, finché la miscela non sarà brunita. Aggiungere 6 mele sbucciate e tagliate in quarti,la buccia grattugiata di un limone non trattato ed un cucchiaio di aghi di rosmarino fresco.

Rimestare delicatamente con un cucchiaio di legno finché le mele non saranno tenere (attenti a non spappolarle!). Con una schiumarola scolare le mele e metterle in una teglia di circa 22 cm. di diametro, con il fondo coperto da un disco di carta-forno. Far bollire lo sciroppo per 1-2 minuti, per farlo addensare ancora un po’, poi versarlo sulle mele e lasciar raffreddare. Scaldare il forno a 200 gradi, coprire le mele con il disco di pasta bucherellata con una forchetta ed infornare per circa 20 minuti. Lasciar raffreddare per una mezz’oretta, capovolgere su un piatto e servire tiepida. Nota: Le sorelle Tatin possedevano un alberghetto a Lamotte-Beuvron, presso la Loira, e si resero famose per l’eccellente gestione, oltre che per aver inventato uno dei primi tipi di torta ‘upside-down’; la cuocevano in un piccolo forno metallico appoggiato sulla carbonella e pare che questo garantisse un particolare effetto-caramello.

Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*