Come fare: Torta Vittoria Glassata – Ricetta dessert COMMENTA  

Come fare: Torta Vittoria Glassata – Ricetta dessert COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Torta Vittoria Glassata. Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Burro.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Dessert
Ingrediente principale: Burro
Persone: 6
Ingredienti:
100 G Farina
100 G Burro
100 G Zucchero
2 Uova
200 G Marmellata Di Albicocche
200 G Crema Al Burro (v. Ricetta)
1 Fialetta Colorante Giallo Per Alimenti
6 Pasticche Cioccolato
Burro Per Le Teglie
Farina Per Le Teglie

Preparazione:
Ammorbidite il burro lavorandolo con una spatola in una terrina, quindi aggiungete lo zucchero e continuate a lavorare i due ingredienti sino ad ottenere un composto soffice, aggiungete le uova e sbattete ancora. Unite la farina setacciata e mescolate con una frusta finché il composto diventerà liscio e omogeneo. Fatto ciò, imburrate e infarinate due teglie rotonde di circa 15 cm di diametro, suddividete il composto nelle due teglie e passatele in forno già caldo (190 gradi) per 20-25 minuti. Trascorso il tempo di cottura necessario, quando cioè infilzando l’impasto con uno stecchino quest’ultimo ne uscirà perfettamente asciutto, togliete le teglie dal forno, fate intiepidire leggermente, sformate i dolci su una griglia e lasciateli raffreddare completamente. Dopodichè spalmate uno dei due dolci con la marmellata d’albicocche, distribuendola in maniera uniforme, e sovrapponetevi l’altro. Incorporate il colorante alla crema di burro, distribuitene 4/5 sulla superficie del dolce, formando uno strato compatto; ponete il resto della crema in una tasca con bocchetta a stella e formate sul dolce sei rosette equidistanti fra loro, guarnite con le pasticche di cioccolato e servite.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*