Come fare: Tournedos Alla Rossini (2) – Ricetta carne COMMENTA  

Come fare: Tournedos Alla Rossini (2) – Ricetta carne COMMENTA  

Ecco la ricetta del giorno: Tournedos Alla Rossini (2). Ti insegnamo a farla velocemente e nel modo migliore. Farai una splendida figura e i tuoi ospiti te ne saranno grati. L’importante è l’ingrediente principale: Manzo.

Se segui alla lettera i consigli di ComeQuando ti verrà una meraviglia!

Passiamo quindi alla ricetta:

Tipo di piatto: Carne
Ingrediente principale: Manzo
Persone: 6
Ingredienti:
4 Tournedos Di Manzo Alti 3 Cm
50 G Paté Tartufato
40 G Burro
1/2 Bicchiere Vino Madera (o Vino Marsala Secco)
6 Cucchiai Panna
Sale

Preparazione:
Sono fette di filetto tagliate nella parte più sottile del pezzo dopo la punta. Hanno, in genere, uno spessore dai 3 ai 5 cm e il peso varia di solito da 100 a 150 g. A ogni tournedos togliete le eventuali strisce di grasso, le pellicine e il nervetto. Legateli tutt’intorno con lo spago bianco da cucina perché nella cottura mantengano la loro forma rotonda. In una padella lasciate sciogliere il burro e quando diventa color nocciola adagiatevi la carne. Fate colorire a fiamma vivace per un minuto da entrambi i lati girandola con una paletta d’acciaio. Abbassate la fiamma e cuocete per 7-8 minuti se li preferite al sangue oppure per 10 minuti abbondanti se cotti a puntino. Versate il Marsala o il Madera, inclinate la padella e con un fiammifero accendete il vino. Lasciate spegnere la fiamma, trasferite i tournedos su un piatto da portata ed eliminate lo spago. Diluite il fondo di cottura con la panna, aggiungete il paté, un pizzico di sale e mescolate per ottenere una salsa omogenea. Scaldate a fuoco moderato fino a quando la salsa si è addensata al punto giusto. Versatela sui tournedos e servite. Volendo, decorate con due fettine di tartufo nero e bianco. Vini di accompagnamento: Barolo “Riserva” DOCG, Solaia VdT Di Toscana, Brindisi Rosso Patriglione DOC.


Buona preparazione e facci sapere nei commenti come ti è venuta!

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*