Come fare una maschera facciale all’acqua di rose e glicerina COMMENTA  

Come fare una maschera facciale all’acqua di rose e glicerina COMMENTA  

L’acqua di rose e glicerina sono i segreti di bellezza che sono stati usati dalle donne da generazioni, e sono ancora altrettanto efficaci come lo sono sempre state. La rosa nutre la pelle, la glicerina agisce come un grande idratante. Potete fare una maschera facciale all’acqua di rose e glicerina molto facilmente.

Leggi anche: Peter l’estremista che non beve acqua da quattro anni



Quello che vi serve

1 1/2 tazze di acqua di rose

3 cucchiaini glicerina

istruzioni

1 Mettere una manciata di petali essiccati di rosa in un vaso sterilizzato e coprire i petali con acqua bollente. Assicurarsi che tutti i petali siano immersi nell’acqua.

Leggi anche: Il gelo rompe un cavo: metrò fermo per sei ore


2 Mettere il coperchio sul vaso e lasciare che i petali di rosa restino durante la notte. Filtrare l’acqua di rose in una terrina la mattina successiva, ed eliminare i petali.


3 Aggiungere la glicerina, aloe vera gel, pappa reale delle api, olio essenziale di rosa e estratto di semi di pompelmo.

4 Rompere le capsule di vitamina E e aggiungere l’olio alla miscela.

L'articolo prosegue subito dopo


5 Frullare il composto insieme fino a quando tutti gli ingredienti saranno ben incorporati.

6 Mettere la crema in un contenitore sterilizzato con un coperchio e conservare in frigorifero.

7 Massaggiare la crema con batuffoli di cotone prima di coricarsi.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*