Come finisce la Seconda Guerra Mondiale COMMENTA  

Come finisce la Seconda Guerra Mondiale COMMENTA  

seconda guerra mondiale
seconda guerra mondiale

Come finisce la Seconda Guerra Mondiale, dallo scoppio nel 1939, fino al 1941, si sono succeduti importanti eventi che hanno sicuramente inciso alla fine della guerra, ma soprattutto hanno determinato la fine della potenza tedesca e l’accordo con l’Unione Sovietica.

Infatti, l’operazione dei tedeschi denominata Barbarossa fallisce: l’intento di voler invadere anche i territori sovietici è stato solo il principio di una lunga battaglia di logoramento, in cui i Sovietici hanno sfruttando l’inverno a loro favore. Contemporaneamente, nel 1941, il Giappone attacca il porto americano nel Pacifico di Pearl Harbor. Nei successivi due anni, iniziano a cambiare progressivamente gli esiti della guerra. Infatti, gli eserciti italiani e tedeschi subiscono pesanti sconfitte nei territori africani.

L’Italia è stato il primo paese a uscire dalla Seconda Guerra Mondiale, nel 1943, quando viene pubblicato il cosiddetto Proclama di Badoglio che dà il via all’armistizio con lo schieramento degli Alleati. Il Proclama prende il nome del maresciallo italiano Pietro Badoglio, il quale ha annunciato via radio la fine della partecipazione dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale con la firma dell’armistizio di Cassabile, stipulato tra gli Inglesi e gli Americano.


La Seconda Guerra Mondiale termina nel 1945 con il suicidio di Hitler il 30 aprile e il successivo armistizio di Reims il 7 maggio. La guerra tra Giappone e Stati Uniti si conclude con il lancio della bomba atomica sulle città di Hiroshima e Nagasaki nel mese di agosto.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*