Come funziona contratto lavoro accessorio COMMENTA  

Come funziona contratto lavoro accessorio COMMENTA  

Il contratto di lavoro accessorio si basa su prestazioni occasionali che danno luogo a compensi complessivi con riferimenti non superiori a settemila euro nel corso dell’anno civile per tutti i committenti e non superiori a duemila euro con riferimento al singolo committente, imprenditore o professionista.

Ogni soggetto può svolgere ciò e le prestazioni riguardano qualsiasi attività , a patto che si rispettino i limiti dei compensi economici precitati. Prestazioni economiche simili possono essere rese anche da percettori di prestazioni integrative al limite complessivo di tremila euro di compenso per anno civile.

Per ricorrere alle prestazioni economiche di lavoro accessorio, il datore di lavoro deve provvedere all’acquisto di uno o più carnet di buoni tramite modalità telematica.

Il prestatore di lavoro accessorio percepisce il proprio compenso presso il concessionario. Tale compenso è immune da qualsiasi procedimento fiscale e non incide sullo status di inoccupato o disoccupato nei confronti del soggetto che svolge il ruolo di prestatore di lavoro accessorio.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*