Come funziona il microchip per cani COMMENTA  

Come funziona il microchip per cani COMMENTA  

La tecnologia alla base di un microchip di un animale domestico ripercorre diversi decenni. Ma, non è stato fino a poco tempo che i dispositivi sono diventati abbastanza economici per colpire il mercato.

Il microchip per cani utilizza la tecnologia di identificazione a radiofrequenza (RFID). RFID, come dice il nome, utilizza le onde radio come mezzo per trasmettere le informazioni. Un tag RFID archivia i dati e, utilizzando forze elettromagnetiche, comunica i dati a un dispositivo che lo interpreta.

I tag RFID sono disponibili in diverse forme. I microchip negli animali non hanno bisogno di trasmettere attivamente le informazioni, ma solo tenere le informazioni (un numero unico di identificazione per l’animale). Questo tipo di tag, definito un tag RFID passivo, non ha batteria e nessuna fonte di energia interna.

Una capsula di microchip ha le dimensioni di un chicco di riso e incorpora diverse componenti per aiutarlo a fare il suo lavoro. Il materiale di vetro che incapsula il dispositivo è biocompatibile. Ciò significa che non è tossico e non danneggia il corpo dell’animale, così il vostro animale domestico non avrà una reazione allergica al dispositivo dopo l’impianto. Alcune versioni del microchip includono inoltre un cappuccio in polimero polipropilene per mantenere fermo il chip una volta che è dentro l’animale. Anche se la rimozione chirurgica del dispositivo è difficile, i microchip non scadono o usurano. Sono buoni per la vita dell’animale.

L'articolo prosegue subito dopo

All’interno della capsula, si trova il microchip di silicio reale che contiene le informazioni importanti, così come un condensatore di sintonia e una bobina d’antenna. Il condensatore riceve l’alimentazione e lo invia al microchip. Informazioni del microchip possono essere raccolte attraverso l’antenna, che è una bobina di rame.
Un microchip come questo ha bisogno di un lettore o dello scanner. Quando impostato la frequenza corretta, lo scanner “interroga” il microchip dal tonificante il condensatore con alimentazione elettromagnetica. La capsula microchip invia segnali radio allo scanner con il numero di identificazione. Lo scanner può quindi interpretare le onde radio e visualizzare il numero di identificazione su uno schermo LCD (schermo a cristalli liquidi).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*