Come funziona la corsa con i tori a Pamplona

Guide

Come funziona la corsa con i tori a Pamplona

Liberi, ossessivi, o semplicemente folli è come si potrebbe descrivere gli appassionati (e sono tanti) che prendono regolarmente parte a San Firmino di Pamplona (Fiesta de San Fermín), musica, danza, fuochi d’artificio, processioni e la corsa con i tori – che si svolge dal 6 al 14 luglio di ogni anno.
El Encierro, la corsa dei tori dai loro recinti per l’arena per la corrida, si svolge a Pamplona, ​​ogni mattina durante. Sei tori vengono lasciati liberi dal Coralillos de Santo Domingo. Essi continuano fino alla strada, virando in Calle de los Mercaderes da Plaza Consistorial e poi a destra in Calle de la Estafeta per la carica finale per l’anello.
Da quando è cominciato nel 1924, 13 persone sono state uccise durante la corsa dei tori di Pamplona. Molti di quelli che corrono sono pieni di spavalderia e non hanno idea di quello che stanno facendo.
Due razzi vengono sparati: il primo annuncia che i tori sono stati liberati dai recinti, il seconda permette di sapere che sono tutti fuori e in esecuzione.

Il primo punto di pericolo è dove Calle de los Mercaderes conduce in Calle de la Estafeta. Qui molti dei tori sbattono contro le barriere a causa della loro velocità. Essi possono isolalarsi dal branco e sono quindi sempre pericolosi. Un tratto molto insidioso arriva verso la fine, dove Calle de la Estafeta digrada nel turno finale a Plaza de Toros.
È cresciuta la preoccupazione per l’elevato numero di persone che prendono parte in questi ultimi Encierros. La fiesta 2004 è stata considerata come una delle più pericolose negli ultimi anni con decine di feriti, ma nessun morto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*