Come funziona stampante 3D COMMENTA  

Come funziona stampante 3D COMMENTA  

Molti amano i cartoni animati, indipendentemente dall’età, perché in essi tutto è possibile: il teletrasporto, le macchine volanti, i robot, la macchina da cui si materializza del cibo e via dicendo. Un po’ della magia che ammiriamo nei cartoni animati è lungi dal diventare una realtà, ma la nascita e lo sviluppo delle stampanti 3D implica che possiamo godere di realtà sorprendenti, semplicemente premendo un tasto.

No, da esse non si materializza ancora il cibo, ma possiamo stampare di tutto, dall’articolazione coxofemorale, ai pezzi che compongono un’automobile, fino alle schede elettroniche. La bella notizia è che le stampanti 3D sono semplici da usare e sorprendentemente abbordabili.

Come può una stampante stampare un oggetto?
Il termine “stampante” innanzitutto è scorretto perché ci fa pensare allo stampare le immagini su un foglio. Invece di pensare a questo meraviglioso dispositivo come ad una semplice “stampante”, pensiamo ad esso come ad una sorta di “realizzatore” perché questo è esattamente quello che questo dispositivo fa. Realizza.

Che cos’è una stampante 3D?
Una stampante 3D è una macchina che realizza gli oggetti costruendoli pezzo per pezzo, un po’ come si farebbe con una torta a strati. Immaginate di voler fare una torta a strati, con dieci strati di panna ed immaginate di voler fare ogni strato con un gusto diverso. Naturalmente, si comincia dalla base e poi si arriva alla cima. La stampante 3D funziona allo stesso modo. Solo che invece degli strati di crema, essa usa liquido, polvere, fogli e all’occasione persino metallo.

Queste stampanti rivoluzionarie possono essere acquistate dappertutto e si connettono al computer come una qualunque altra stampante comune.
Voi ne avete mai provata una?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*