Come funziona un magnete?

Guide

Come funziona un magnete?

imgres Un magnete è un oggetto che può attrarre alcuni metalli, come ferro, cobalto e nickel, per mezzo del suo campo magnetico. Quest’ultimo circonda per intero il magnete ed è formato dal movimento di elettroni con carica negativa, infatti nei metalli magnetici la maggior parte degli elettroni è spagliata, e quindi viaggia circondando il metallo e formando una corrente detta dominio magnetico che è a sua volta formata da più file di elettroni dette linee di forza. Tutte le linee di forza partono dal lato a nord del magnete per terminare sul lato sud, esattamente come agisce la forza elettromagnetica sull’asse terrestre. Infatti i magneti tendono a porsi parallelamente alle linee di forza terrestri che procedono da nord verso sud, è così che funzionano le bussole. Come le linee di forza magnetica della terra le linee di forza di un magnete si attraggono avvicinandosi ai poli,e si allontanano l’una dall’altra quando raggiungono la distanza media fra nord e sud e non si incrociano mai.

Tipologie di Magneti

Ci sono tre tipi di magneti: i magneti duri, o permanenti sono quelli che appunto possono mantenere la propria carica magnetica a tempo indeterminato perché possono formare autonomamente il proprio campo magnetico in modo costante.

Magneti morbidi,o temporanei, possono creare campi magnetici solo quando sono sotto l’influenza del campo magnetico di un magnete permanente e per un breve periodo dopo aver lasciato il campo magnetico più potente. Poi ci sono gli elettromagneti; questi sono dei magneti artificiali che creano un campo magnetico solo quando sono attraversati dall’elettricità. Sono fatti di bobine di filo attraverso le quali l’elettricità viaggia creando con il movimento dei sui elettroni un campo magnetico le cui dimensioni dipendono dal numero di bobine utilizzate e dalla quantità di elettricità dalla quale sono attraversate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*