Come funziona visto per vacanza lavoro in Cina

News

Come funziona visto per vacanza lavoro in Cina

 

Il visto per andare in Cina è l’autorizzazione necessaria per poter effettuare un viaggio in questo paese. E’ un permesso apposto sul proprio passaporto che consente di fare accesso legalmente sul territorio cinese.

Vi sono diversi tipi di visti per andare in Cina:

  • visto turistico (categoria L);
  • visto business (categoria M);
  • visto lavoro (categoria Z);
  • visto studentesco.

Il visto per effetturare una vacanza in Cina o per effettuare dei viaggi di lavoro è il visto L.

Per accedere su territorio cinese il visto deve essere rilasciato indipendentemente dalle motivazioni del viaggio.

A seconda della tipologia il permesso ha semplicemente una durata diversa.

Quello con ingresso singolo che consente un viaggio turistico è valido 3 mesi a far data dal rilascio e consente di restare su territorio cinese per massimo 30 giorni. Sono tuttavia possibili ingressi doppi o multipli che consentono una pluralità di ingressi.

Documenti necessari per ottenere il visto

Al fine di ottenere qualsiasi visto (singolo) è necessario disporre di:

  • passaporto con almeno 6 mesi di validità oltre la durata del soggiorno in Cina con due pagine bianche;
  • due foto tessere recenti;
  • il modulo richiesta visto debitamente compilato con indicazione del tipo di visto (online o scaricato in pdf).

Dove richiedere l’autorizzazione per andare in Cina?

In caso di residenza in Italia a partire dal 30 marzo 2010 ci si deve recare al Chinese Visa Application Service Center (CVASC) di Roma o Milano.

Quanto costa ?

Il costo varia a seconda della durata e del numero di ingressi del visto stesso.

In caso di servizio normale che comporta il ritiro al quarto giorno lavorativo si applicano le seguenti tariffe:

  • Ingresso singolo (tre mesi di validità): 50 Euro.
  • Ingresso doppio (da tre a sei mesi mesi di validità): 75 Euro.
  • Ingresso multiplo (sei mesi di validità): 100 Euro.
  • Ingresso multiplo (dodici mesi di validità): 150 Euro.
  • Supplemento servizio urgente (ritiro al terzo giorno lavorativo): 20 Euro.
  • Supplemento servizio extra urgente (ritiro al secondo giorno lavorativo): 30 Euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Manuela Margilio 114 Articoli
Sono laureata in giurisprudenza e amo scrivere su questioni relative al diritto e fisco; mi piace leggere e mi dedico alle recensioni. Scrivere sul web è una delle mie passioni che mi consente di essere sempre aggiornata.