Come funzionano i nuovi ammortizzatori sociali

Guide

Come funzionano i nuovi ammortizzatori sociali

Adesso ci occuperemo dei nuovi ammortizzatori sociali: diremo brevemente come funzionano e come usufruirne. Essi sono partiti il primo Maggio 2015. Tali ammortizzatori sono una creazione del Jobs Act di renziana memoria, che vanno a sostituire i precedenti strumenti di solidarietà sociale, sto parlando ovviamente della Aspi e della Mini-Aspi, derivanti dalla Legge Fornero. Tali ammortizzatori fanno parte del Naspi, che andrà incontro alle esigenze di centina di migliaia di precari italiani. Per questi ultimi, l’esecutivo ha infatti intenzione di stanziare circa un miliardo e mezzo di euro nella Legge di Stabilità. C’è da dire comunque, che da questi benefici sono esclusi sia gli operatori agricoli, che i dipendenti di pubbliche amministrazioni, sia a tempo determinato che indeterminato. Ad ogni modo, i requisiti d’accesso sono:

1) Status di disoccupato

2) Il lavoratore deve far valere almeno 13 settimane di contribuzione, nel periodo dei 4 anni precedenti il licenziamento

3) Il lavoratore deve far valere almeno 30 giorni di effettivo lavoro, durante l’anno precedente il periodo di disoccupazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*