Come gestire amante durante le feste COMMENTA  

Come gestire amante durante le feste COMMENTA  

Come gestire una relazione clandestina durante un evento pubblico come una festa. Vediamo come comportarsi trovandosi sia nel ruolo dell’amante single di un uomo ammanicato o viceversa.

Leggi anche: Gian Lorenzo Bernini. Medusa tra luce ed emozione


Può verificarsi una delle tre casistiche (o combinazioni): sei l’amante single di un uomo; sei l’amante impegnata di un uomo a sua volta impegnato; sei l’amante impegnata di un uomo single.

Leggi anche: Faccio sesso con uomini sposati, le mogli dovrebbero dirmi grazie


Nel primo caso, la donna non avrà alcun problema, se non quello di gestire la propria autostima, dal momento che l’uomo in questione passerà tutto il tempo accompagnato dalla sua donna ufficiale, che sfoggerà come un trofeo. La cosa migliore da fare è dimostrargli che la sua amante non starà lì a guardare, ma che sa che può farsi una vita sua, anche senza di lui, appena vuole.


Il secondo caso è un gioco di squadra: entrambi conducono vite parallele, una ufficiale e istituzionale, l’altra di svago. L’importante è non scivolare in errori da principiante: si passa più tempo in famiglia, il partner avrà più possibilità di tenere sotto controllo il vostro cellulare e i vostri.

L'articolo prosegue subito dopo


Il terzo caso è quello più macchinoso: la donna già impegnata ma con un amante, dovrà essere molto abile a tenere sotto controllo gli eventuali desideri di emergere dell’uomo che potrebbe sentirsi una ruota di scorta, un gioco, ed evitare di dare segnali al marito riguardo la possibilità che gli venga nascosta una qualche verità. Nulla più di un sospetto di tradimento può colpire l’orgoglio di quest’ultimo che farà di tutto per venire a capo della situazione.

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*