Come identificare i disturbi alimentari

Guide

Come identificare i disturbi alimentari

I disturbi alimentari derivano da una distorta percezione del proprio corpo. Possono colpire chiunque, a prescindere da sesso ed età, tuttavia si riscontrano in maggior numero in ragazze adolescenti e donne. Tra i disturbi alimentari, il più noto è l’anoressia, che porta il soggetto a mangiare sempre meno. La persona malata di anoressia, guardandosi allo specchio vede riflessa un’immagine ingannevole e in sovrappeso. Per ovviare a questo immaginario problema comincerà a privarsi di cibo progressivamente, fino a danneggiare la propria salute ed arrivare a morire di fame.

La bulimia è un altro disturbo noto, che però consiste in grandi abbuffate seguite poi dall’eliminazione forzata del cibo. Anche la bulimia può condurre una persona alla denutrizione ed alla morte.

Anche il mangiare troppo in maniera disordinata è sintomo di disturbo alimentare. Può condurre all’obesità o ad altri problemi collegati al sovrappeso, come disturbi cardiovascolari e diabete. Chi soffre di questo disturbo di solito mangia cibi poco salutari in momenti inadeguati.

Alcune persone simulano diete, ma occultano il cibo per mangiarlo di nascosto.

Poichè tutti i disturbi alimentari sono pericolosi, è importante individuarne il prima possibile l’insorgenza e cercare aiuto per la loro risoluzione.

I sintomi più comuni di un disturbo alimentare includono una esagerata preoccupazione per la dieta e per il peso, esercizio fisico esasperato, perdita (o acquisizione) di peso troppo rapida, abuso di pillole dimagranti o lassativi, andare in bagno appena mangiato o nascondere il cibo e mangiarlo in momenti particolari.

Appena si sospetta di vedere questi sintomi, in se stessi o nei propri familiari, è importante consultare immediatamente medici esperti del problema.

I trattamenti per la guarigione consistono in psicoterapia, ipnoterapia, consultazioni, gruppi di supporto e ricoveri. La tempestività è la chiave per una guarigione certa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*