Come identificare il polinomio come un monomio, binomio o trinomio COMMENTA  

Come identificare il polinomio come un monomio, binomio o trinomio COMMENTA  

I polinomi combinano più variabili e costanti, ma possono anche aumentare la confusione matematica. I polinomi sono espressioni matematiche formate da addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni — anche se la divisione on è permessa. Alcuni dei polinomi più familiari sono equazioni di secondo grado, dette anche equazioni paraboliche, che mappano la direzione di una parabola e la curva. Monomi, binomi e trinomi sono tre tipi diversi di polinomi, che è possibile identificare i termini all’interno dell’espressione. Per identificare quale di questi tre tipi di polinomio hai, è possibile formulare il piano di attacco giusto per risolverlo.

Leggi anche: Anni 80: lo zaino Invicta amato dai ragazzi


istruzioni

1. Scrivere il polinomio. Per un esempio, lasciare che il polinomio sia 3x^7 + x^7 + 4x^2 + 3 + x^2 + 1.

2. Combinare tutti i termini simili del polinomio. Per questo esempio, combinando 3x^7 e x^7 si ha 4x^7, combinando 4x^2 e x^2 si ha 5x^2 e 3 e 1 combinando si ha 4 — il polinomio è 4x^7 + 5x^2 + 4.

Leggi anche: Gender nelle scuole: l’educazione in Italia


3. Contare i termini del polinomio per identificare se il polinomio è un monomio, binomio o un trinomio — un monomio ha un solo termine, un binomio ha due, e un trinomio ha tre termini. Per questo esempio, il polinomio ha tre termini ed è quindi un trinomio.

Leggi anche

tombola_natale
Cultura

Numeri della tombola: quanti sono

La tombola nasce nel lontano '700 a Napoli da una disputa tra re Carlo e padre Gregorio, ecco come si gioca e quanti sono i numeri.   La tombola è un tradizionale gioco da tavolo, che viene praticato soprattutto nelle festività natalizie. Nata nella città di Napoli nel XVIII secolo, la tombola, è una sorta di gioco del lotto in versione casalinga, ed è praticata tramite un sistema di associazione tra numeri e relativi significati, in genere umoristici appartenenti alla “Smorfia”. Secondo la tradizione, questo gioco sarebbe nel 1734 da una diatriba tra il re Carlo di Borbone e padre Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*