Come inalare i fumenti COMMENTA  

Come inalare i fumenti COMMENTA  

Gli individui che soffrono di una serie di condizioni, come il comune raffreddore, ma anche laringite e sinusite, possono beneficiare delle proprietà curative potenti del vapore. Il vapore (comunemente chiamato anche fumento),  riduce la congestione aprendo le vie nasali e diluendo le mucose ostruite. Respirare i fumenti da due a quattro volte al giorno, insieme ad altri trattamenti casalinghi per la cura, come bere molti liquidi e riposare, aiuta ad alleviare i sintomi e migliorare il livello di comfort, secondo gli studi effettuati dall’Istituto di Medicina del Maryland.

Leggi anche: Località per rilassarsi in coppia


ISTRUZIONI:

1) Fai bollire almeno 1/2 lt di acqua in una larga pentola di metallo. Utilizzando una quantità considerevole di acqua permette di ottenere molto vapore e più a lungo.

Leggi anche: Felicità e acqua, un legame fondamentale. Lo dice un libro


2)Versa l’acqua in una grande ciotola di plastica o un contenitore adatto e attendi che l’ebollizione si fermi. Attenzione a non scottarti con la pentola di metallo, né con la ciotola in cui hai versato l’acqua bollente.


3) Siediti a un tavolo ed appoggiati direttamente sopra la ciotola di plastica piena di acqua calda. Tieni il viso almeno 6 centimetri dall’acqua calda per evitare di bruciarti la pelle.

L'articolo prosegue subito dopo

4) Metti un panno pulito sopra la testa in modo da coprire il viso e la ciotola di acqua calda, il ché eviterà al vapore di disperdersi. L’asciugamano permetterà al vapore di andare direttamente sotto il tuo viso e impedirà all’acqua di raffreddarsi troppo rapidamente.
5) Dilata le narici e apri la bocca per inalare il vapore. Rimani in questa posizione e continua l’inalazione per almeno 10 minuti, quattro volte al giorno per ottenere i massimi risultati.

Consiglio: Per un buon risultato, specialmente contro il raffreddore, puoi aggiungere all’acqua delle gocce di oli essenziali balsamici, come quello di eucalipto o di pino. Fai però attenzione: ne bastano poche gocce (3 o 4 al massimo) ed evita il contatto dell’olio puro sulla pelle, perché può causare irritazioni.

 

Leggi anche

babbo natale
Guide

Come sopravvivere al pranzo di Natale

Ecco come fare a sopravvivere al pranzo di Natale, nonostante le domande incalzanti dei parenti e le quantità industriali di cibo.   Manca davvero poco alle festività natalizie e in molti si staranno domandando come sopravvivere al pranzo di Natale. Cibo in quantità industriali, domande impertinenti dei parenti, e bambini che piangono e urlano in ogni angolo della casa. Non temete! Questo articolo vi consiglierà come comportarvi per sottrarvi a queste torture. Per prima cosa cercate di evitare le discussioni private a tavola, cercando di cambiare discorso quando uno dei parenti vi incalzerà con domande inopportune. Inoltre è assolutamente vietato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*