Come indurre il travaglio naturalmente

Se siete arrivate al termine della gravidanza e avete superato la 37a settimana, potete iniziare a provare ad indurre il travaglio naturalmente.
Molte donne non vogliono che il parto sia indotto con dei medicinali in ospedale, e, se è il vostro caso, ci sono alcuni suggerimenti.

Leggi anche: Condannato padre causa di paralisi cerebrale al figlio


Camminare

Di certo l’avrete già sentito. Sforzatevi, però, di camminare anche durante le contrazioni, senza fermarvi, diventeranno più intense e probabilmente daranno inizio al travaglio. Se ve la sentite, salite una collinetta. Ovviamente, camminate insieme a qualcuno che possa soccorrervi prontamente se doveste sentirvi male.

Leggi anche: Foto bambini su Facebook: multa di 25 mila euro per i genitori


Avere rapporti

Ebbene sì, anche questo aiuta. Nonostante magari non vi sentiate a vostro agio in questo periodo, avere rapporti aiuta a indurre il parto…e a rendere felice il vostro compagno.


Fare le pulizie

Ne potete approfittare per fare le pulizie dell’ultimo minuto prima che il piccolo nasca. Ricordatevi sempre di non fermarvi durante le contrazioni, per velocizzare il processo.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

dismenorrea_ng1
Donna

Differenza fra dismenorrea primaria e dismenorrea secondaria

Per molte donne il ciclo mestruale mensile è particolarmente doloroso. E' importante capire se si tratta di dismenorrea primaria o secondaria. Circa il 25% delle donne soffre di dismenorrea, ossia di ciclo mestruale particolarmente doloroso e sindrome pre-mestruale dai sintomi altrettanto accentuati. Per queste donne il dolore associato alle mestruazioni risulta particolarmente intenso e insopportabile. La dismenorrea può essere di due tipi: primaria e secondaria. Quella primaria non è collegata ad altre patologie o disturbi di tipo ginecologico, mentre quella secondaria è caratterizzata da mestruazioni dolorose e spesso abbondanti ed è una conseguenza di altre patologie in corso. La differenza [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*