Come leggere la bolletta dell’acqua

Come in ogni bolletta, vengono indicati nome, indirizzo e codice fiscale dell’intestatario del contratto, il numero di fattura e la data di emissione, oltre alle informazioni societarie dell’erogatore di servizi, tra cui il numero del servizio clienti che può risultare sempre utile per informazioni e contestazioni. Il primo controllo da fare dunque, è verificare che la fattura sia stata spedita al destinatario giusto.

Leggi anche: La mozzarella Blu: è l’acqua


Controllate bene il periodo di riferimento e anche il tipo di fatturazione, che dev’essere “Uso Domestico Residente” se si tratta di una bolletta per la nostra casa. Se la bolletta è per la vostra seconda casa si tratterà di “Uso Domestico Non Residente” (e avrà una tariffa più alta), per negozi e aziende sarà “Extra-domestico”, per Comuni e Pubbliche Amministrazioni sarà “Uso Pubblico”. Non dimenticate di segnare la data di scadenza entro la quale bisogna pagare, solitamente fissata entro 2 mesi. Superata questa data la mora sarà del 2% della bolletta entro 5 giorni dalla scadenza e del 5% oltre i 5 giorni.

Leggi anche: La lavastoviglie, una giusta scelta

Non tutte le bollette sono uguali. Sempre sotto Tipo Fatturazione troviamo “acconto”, “conguaglio” oppure “acconto + conguaglio”. Le bollette di acconto presentano soltanto il totale dei consumi e delle quote fisse per il periodo di riferimento. Le bollette di conguaglio, invece, riportano anche le somme da dare o ricevere relative al periodo precedente: dopo la lettura del contatore sul periodo stimato vi arriverà la differenza, che sarà in credito se avete consumato meno del previsto, o in debito se avete consumato di più. Fate dunque un controllo per verificare che le cifre di conguaglio siano dovute.

Come abbiamo già detto, i costi si dividono in variabili e fissi, e variano anche a seconda che la nostra abitazione ha un contatore oppure no. Nel primo caso, la fatturazione avviene calcolando la lettura del contatore.

L'articolo prosegue subito dopo


– Lettura Effettiva, se nel periodo è stata fatta una lettura del contatore;
– Lettura Stimata, se la cifra è una stima in base ai consumi precedenti.

Il Consumo Fatturato sarà dunque pari a:
Consumo effettivo del trimestre + Consumo stimato per il periodo rimanente – Conguaglio in base alla lettura effettiva del periodo precedente.

Leggi anche

PRATICA DEL COITO ORALE.
Guide

Come provocare orgasmo con coito orale maschile

Cosa si intende per coito orale? Come si può provocare un orgasmo con coito orale? Vi sveliamo tutti i segreti di questa pratica sessuale. Il coito orale o fellatio è una delle pratiche più utilizzate durante il rapporto sessuale ed è una delle pratiche più sensuali e preferite dagli uomini. Scopriamo insieme questa pratica. Cosa si intende per "Coito orale"? Il coito o sesso orale è una pratica sessuale rivolta alla stimolazione attraverso la bocca e la lingua del pene per farlo arrivare all'eiaculazione o come preliminare prima del rapporto sessuale. La pratica del sesso orale può favorire l'erezione e per Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*