Come liberarsi dei ricordi spiacevoli

Guide

Come liberarsi dei ricordi spiacevoli

Abbiamo tutti dei ricordi che preferiremmo cancellare. Forse un momento imbarazzante alle superiori, o la perdita di una persona amata. Oppure un errore commesso che ha cambiato la nostra vita, o anche qualcosa che ci ha spaventati. Ecco, questo sono memorie che vorremmo cancellare dalla nostra mente.
Secondo alcuni ricercatori dell’Università di Cambridge, Inghilterra, ci sono due diversi modi per liberarsi dai ricordi dolorosi. Possono essere soppressi, oppure rimpiazzati con ricordi piacevoli.

Usando un macchinario per tomografia a risonanza magnetica, i ricercatori hanno condotto degli esperimenti per osservare l’attività cerebrale di alcuni partecipanti mentre memorizzavano associazioni tra coppie di parole. I soggetti dovevano poi dimenticare il ricordo delle parole rimpiazzandole con parole sostitutive, oppure dovevano dimenticare le associazioni completamente.

I risultati sono stati positivi per entrambi gli esperimenti. Gli studiosi coinvolti nella ricerca credono che tali risultati possano essere di aiuto a persone che necessitino di un controllo della memoria, o che soffrano di disturbi similari.

Rolando Benoit (Medical Research Council Cognition and Brain Sciences Unit, University of Cambridge)), promotore dello studio dichiara “Questo studio è la prima dimostrazione di due distinti meccanismi che causano l’eliminazione dei ricordi spiacevoli: uno funziona spegnendo la memoria, e l’altro invece aiuta la memoria a sostituire il ricordo con un altro piacevole. Con una maggiore conoscenza di questi meccanismi e della loro scomposizione, potremo alla fine capire i disordini caratterizzati da una difettosa regolazione della memoria, come ad esempio i disordini da stress post traumatico”.

Ci sono stati altri studi atti a dimostrare l’abilità delle persone a bloccare intenzionalmente i ricordi spiacevoli nella loro mente. Una varietà di indagini neuroimaging hanno identificato il sistema del cervello responsabile per la perdita di memoria intenzionale. Sfortunatamente non ci sono studi che mostrino quale metodo cognitivo sia implicato.

I ricercatori pensano che la loro scoperta dimostri che le persone non debbano essere incatenate a memorie dolorose. Ci sono meccanismi che possono aiutarle a gestirli al meglio.

Fonti: Article published in Neuron

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...