Com'è meglio mangiare i funghi, crudi o bolliti?

I funghi contengono una ricca gamma di sostanze nutritive. Sono ricchi di vitamine del complesso B tra cui acido pantotenico, niacina e riboflavina. Sono anche un’ottima fonte di minerali come selenio, rame e potassio. I funghi sono senza grassi e senza colesterolo, hanno un basso contenuto di sodio, poche calorie. I funghi sono pepite nutrienti che possono essere consumate crude o bollite. Come cambiano a livello nutrizionale in base al modo in cui vengono cotti ? Questa è la domanda.

Leggi anche: Nel 2050 raddoppieranno gli ‘over 60’ nel mondo. L’Italia il secondo paese al mondo per longevità


Secondo il sito Science Daily, gli scienziati dell’Università dell’Illinois hanno testato una varietà di funghi crudi e cotti. Nello studio sono stati analizzati i funghi pulsante bianco, crimini e portabella. I funghi crimini e portabella sono stati analizzati cotti. I funghi sono ricchi di fibre alimentari, come chitina che abbassa il colesterolo e il beta-glutane che promuove la salute del cuore.

Leggi anche: So Elixir di Yves Rocher, sensualità allo stato puro


I risultati dei test hanno dimostrato che la chitina è concentrato all’8 per cento nei funghi portabella crudi. A cottura ultimata il livello di chitina è sceso al 2,7 per cento, ma il totale delle fibre alimentari è aumentato in modo significativo. È stata fatta la stessa cosa con funghi enokis cotti e crudi, mostrando livelli chitina del 7,7 per cento da crudi e 2,7 per cento quando sono stati cotti. Crudi i portabella maturi hanno mostrato il più alto livello di beta-glucane, lo 0,2 per cento in più degli altri funghi che erano allo 0,1 per cento. Cucinare i funghi ha comportato un aumento di amido, fibre alimentari totali e la diminuzione di grasso e chitina. Alcune sostanze nutritive sono aumentati dopo la cottura e alcuni sono diminuite, secondo Cheryl L. Dikeman, autore principale dei test.


Considerazioni

In un articolo di Sushma Subramanian, giornalista del sito web “Scientific American” , secondo il dottor professor Rui Hai Liu associato di scienza dell’alimentazione presso la Cornell University, è complicato per confrontare la salubrità degli alimenti crudi e cotti.

L'articolo prosegue subito dopo

È ancora un mistero come le diverse molecole vegetali interagiscono con il corpo umano. Lui consiglia è meglio mangiare la frutta e la verdura crudi o cotti. La cottura dona un sapore migliore questo può rendere gradevole mangiarli.

Leggi anche

setto-nasale-deviato-operazione
Salute

Tempi ripresa operazioni naso setto deviato

Il naso può presentare il setto deviato e quindi necessitare di un intervento chirurgico. I tempi di ripresa e guarigione dipendono da diversi fattori. L’intervento per correggere la deviazione del setto nasale è a tutti gli effetti un’operazione chirurgica. Ciò vuol dire che richiede tempi di guarigione postoperatori che possono avere durata diversa, ma in genere mai meno di una quindicina di giorni. Per rimodellare un setto nasale deviato il chirurgo interviene non solo sulla parte mucosa e cartilaginea del naso, ma anche sulla porzione ossea. Quindi è del tutto normale che, successivamente all’intervento, il naso appare piuttosto gonfio e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*