Come Migliorare Rovescio a Tennis

Guide

Come Migliorare Rovescio a Tennis

Migliorare il rovescio a tennis si può. Basta intensificare il proprio allenamento, lavorare su braccia e testa contemporaneamente.

Per migliorare il proprio rovescio a tennis esistono diverse possibilità.

Innanzitutto, si può giocare 5 minuti a mini-tennis sul campo corto, concentrando il proprio allenamento sui rovesci, in modo tale da cercare di capire se la palla è colpita al centro della racchetta.

Poi è bene valutare se la distanza, da cui ci si prepara ad effettuare il colpo, sia quella giusta. Già questi esercizi implementeranno sia la capacità di valutazione, sia la coordinazione sul lato sinistro del corpo.

Un altro elemento importante (e questo vale sia per il rovescio ad una mano sia per quello a due mani), riguarda il fatto che occorre prestare particolare attenzione nel ruotare anche la testa, nello stesso momento in cui effettuiamo la torsione del corpo, così da essere un unico elemento nell’imprimere energia e nel controllare il campo.

Quest’accortezza ci aiuterà così a seguire la traiettoria della pallina.

Infatti per determinare correttamente la velocità e la direzione di lancio di quest’ultima è necessario utilizzare entrambi gli occhi.

Dunque, per migliorare il nostro rovescio, testa e occhi devono puntare in avanti e verso la palla. Se invece la palla viene osservata lateralmente, con un occhio solo o con la coda dell’occhio, non sarà possibile valutare correttamente né la distanza né la posizione della stessa.

Uguale attenzione va posta anche agli altri movimenti del corpo nonché alla postura assunta. Infatti, se si sferrano i colpi con grande energia, è richiesta notevole flessibilità negli arti, sia inferiori che superiori. La testa deve essere rivolta sempre in avanti.

Se ci si rende conto di non riuscire a vedere la palla abbastanza chiaramente, si dovrà intensificare il proprio allenamento per poter trovare il modo giusto di mantenere la testa e gli occhi in una posizione tale da consentire una buona visuale.

E’ dunque solo una questione di allenamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...