Com’è morto Pier Paolo Pasolini COMMENTA  

Com’è morto Pier Paolo Pasolini COMMENTA  

Poche ore prima del 2 novembre 1975, il corpo di Pier Paolo Pasolini – scrittore, poeta, regista e uno dei migliori intellettuali italiani, è stato trovato sulla spiaggia di Ostia, appena fuori Roma. Alcune ore dopo, Pino Pelosi, detto “Il gay”, di 17 anni, è stato arrestato per eccesso di velocità lungo la costiera di Ostia nell’Alfa Romeo di Pasolini. Pelosi è stato accusato della morte di Pasolini. E’ stato dimostrato che Pasolini abbia dato un passaggio a Pelosi appena fuori la stazione Termini, portandolo in pizzeria e poi ha guidato fino a Ostia. Pelosi ha raccontato di aver ucciso Pasolini per legittima difesa dopo che quest’ultimo ha tentato di sodomizzarlo con un bastone in legno, è stato poi colpevole e condannato fino a 9 anni in prigione.


La notte della sua morte, Pasolini aveva cenato con Ninetto Davoli e la sua famiglia al ristorante Pommidoro a San Lorenzo nel distretto romano. Davoli veniva da una famiglia povera ed è stato scoperto da Pasolini nei sobborghi romani nel 1960.

E’ diventato l’attore protagonista di Pasolini, per un po’ il suo amante e in seguito uno dei suoi amici più cari. E’ stato Davoli a identificare il corpo di Pasolini il giorno seguente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*