Come ottenere Vacanze studio per adulti a New York COMMENTA  

Come ottenere Vacanze studio per adulti a New York COMMENTA  

Si pensa, spesso erroneamente, che le vacanze studio siano pensate e rivolte solo a giovani studenti che desiderano apprendere una lingua straniera direttamente nel paese di interesse; in realtà esistono molte scuole di formazione e centri linguistici che organizzano corsi e vacanze studio all’estero per adulti e professionisti e per quanti intendono impiegare il proprio periodo di ferie dal lavoro per studiare o perfezionare una nuova lingua all’estero vivendo immersi nella cultura e nello stile di vita di un altro paese.

Per chi desidera approfondire o imparare l’inglese, le mète più frequenti sono senz’altro il Regno Unito e gli USA ed è in aumento la richiesta di vacanze studio per adulti a New York, questo perché la “Grande Mela” è sede di importanti aziende con filiali anche in Italia ed è il luogo delle opportunità per eccellenza.

Coniugare la vacanza, lo studio e la formazione professionale può essere quindi un’ottima soluzione. Per ottenere delle vacanze studio è necessario rivolgersi a centri/istituti specializzati (come EF – Education First o il Cambridge Institute) o rivolgersi direttamente alle scuole newyorchesi che allestiscono corsi per adulti e solo nel caso in cui si conoscono personalmente per via di una precedente visita.

Solitamente gli istituti specializzati sono in grado di allestire corsi ad hoc sia per gli adulti che desiderano fare solo un’esperienza culturale, sia per quanti abbiano esigenze specifiche per la propria professione con adeguate tecniche di insegnamento per adulti senza trascurare il divertimento e l’intrattenimento (il prezzo varia a seconda della durata del corso/vacanza). Nella ricerca del corso che fa al caso proprio ci si può rivolgere anche ai programmi allestiti dal Ministero degli Esteri, ma non sono previste borse di studio per adulti se non nell’ambito di programmi molto specifici e selezionati, solitamente al di fuori dell’apprendimento della lingua straniera e lontani dal “concetto” di vacanza.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*