Come prendersi cura di un coniglio appena nato COMMENTA  

Come prendersi cura di un coniglio appena nato COMMENTA  

Prendersi cura di un coniglio appena nato può essere una sfida estremamente ardua, poiché molti conigli allevati a mano non sopravvivono, stando ai dati del CottonTails Rescue. Per questo è importante che i coniglietti non vengano se separati dalla madre se non in caso di abbandono o morte di quest’ultima. Che siano selvatici o domestici, le coniglie madri non prestano molta attenzione ai cuccioli, è il loro modo naturale per non attirare attenzioni indesiderate sui piccoli. Le coniglie allattano i loro piccoli solo una volta al giorno, durante la notte. Se temete che la madre stia trascurando i suoi cuccioli, controllateli alle 5 del mattino. Se sono stati nutriti, i loro stomaci saranno rotondi. I coniglietti abbandonati hanno bisogno di essere nutriti finché non hanno 31 giorni di vita. 

Istruzioni

1. Mettete i coniglietti in una piccola scatola con coperchio, come una scatola da scarpe. Ricoprite la scatola con il nido che la madre aveva costruito. Se questa era molto giovane, potrebbe non averne costruito uno, in tal caso utilizzate un asciugamano ricoperto con del fieno per far sentire comodi e al sicuro i coniglietti. Collocate la scatola in un luogo con temperatura tra i 18 e 22 gradi centigradi e rialzata dal pavimento, in modo da evitare gli spifferi. Coprite la scatola con il coperchio, lasciando una piccola fessura per far entrare l’aria.


2. Acquistate del latte in polvere per gattini, che sarà adatta anche ai coniglietti. Parlate con il vostro veterinario e chiedetegli delle siringhe adatte a contenere un millilitro di fluido e un integratore probiotico liquido, che dovrete mischiare con il latte, in quanto contiene batteri utili. Chiedete consiglio al veterinario per quanto riguarda  la quantità di probiotico da aggiungere al latte in polvere. Seguite le sue indicazioni su come preparare il latte, aggiungete la quantità probiotica specificata e servite tiepido.


3. Riempite la siringa con il latte. Tenete il cucciolo con una mano e la siringa con l’altra. Per questo scopo, sedetevi sul divano o sul pavimento, in modo da evitare che salti via durante il pasto e che si ferisca nel tentativo. Mettete l’estremità della siringa nella bocca del cucciolo e premete leggermente per somministrargli una singola goccia per volta. Continuate a nutrirlo molto lentamente, dandogli poche gocce alla volta per evitare che il liquido gli finisca nei polmoni, cosa che può essergli fatale. Nonostante la madre nutra i suoi piccolo solo una volta al giorno, voi dovrete farlo ogni tre o quattro ore, poiché il latte in polvere è meno nutriente di quello materno. I conigli appena nati devono mangiare due millilitri di latte, da aumentare gradualmente durante la crescita. A partire dalla seconda settimana di vita, offrite il latte in un piattino da cui possa leccarlo.


4. Stimolate la minzione del coniglio dopo i pasti strofinandogli i genitali con un batuffolo di cotone inumidito e ripulitelo dopo che ha urinato con un panno, in modo da controllare che non si siano formati blocchi che impediscano l’eliminazione dei rifiuti.

L'articolo prosegue subito dopo


 

 


 




Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*