Come preparare in casa un repellente per i gatti

Animali

Come preparare in casa un repellente per i gatti

repellente per gatti

Repellenti naturali semplici e veloci da preparare in casa per tenere lontani i gatti.

Esistono tantissimi repellenti naturali facili da preparare in casa che possono aiutarci a tenere lontani i gatti da alcune zone della nostra casa e del nostro giardino.

Anche se amate moltissimo i gatti, ci sono certamente delle zone della casa in cui vorreste evitare di farli andare ma, arrampicatori e saltatori nati come sono, i gatti di rado accettano delimitazioni e confini, se ne fanno un “baffo” dei comandi verbali e di solito fanno solo e soltanto quello che vogliono.

Esistono comunque dei rimedi naturali come il pepe e altre spezie di facile reperibilità che possono rivelarsi fondamentali nel dissuaderli dall’invadere i nostri spazi.

Repellente per gatti

I gatti sono sensibili ad alcuni odori per loro sgradevoli, potreste ad esempio provare a spargere della senape essiccata, o del pepe di Cayenna, o grani di caffè o ancora del rosmarino secco nei punti all’aperto in cui non volete che vadano i gatti.

Se uno di questi rimedi non dovesse funzionare non allarmatevi, gli odori di queste spezie sono repellenti in generale per i gatti ma ovviamente è anche una questione individuale. Se uno di questi rimedi non funziona, provatene un altro, oppure una combinazione tra quelli consigliati.

Tra le spezie più usate in cucina, il rosmarino è anche un ottimo repellente per gatti che grazie all’ odore intenso che emana, allontana gli animali.

Un altro repellente semplicissimo da preparare è il seguente: imbevete un batuffolo d’ovatta o un dischetto per togliere il trucco di olio di garofano, limone, lavanda, arancia e rosmarino e mettete i batuffoli così imbevuti negli angoli degli armadi o delle stanze dove non volete far andare il vostro gatto, oppure, ad esempio, alla base delle piante in vaso. Potete anche strofinare l’olio sui muri all’esterno o sull’uscio di casa, servendovi di uno straccio. Tali odori terranno lontani i gatti dalla vostra abitazione o da tutte quelle stanze dove la loro presenza non è gradita.

Utile a coprire e eliminare gli odori, l’olio di chiodo di garofano di Naissance è adatto a coprire diverse esigenze, tra cui quella di allontanare gli animali indesiderati.

Grazie al suo profumo, facilmente combinabile con altre spezie, garantisce un odore piacevole all’abitazione e tiene lontani i gatti.

Se non siete ancora riusciti ad ottenere il vostro obiettivo provate con il metodo seguente. Lasciate in infuso in acqua bollente per cinque minuti delle erbe aromatiche come lavanda o rosmarino. Filtrate e mettete il liquido così ottenuto in uno spruzzino pulito. Attenti a non usare una bottiglia che abbia contenuto in precedenza detergenti o prodotti tossici. Spruzzate sui muri esterni, sui pavimenti, sui mobili, sulle piante in vaso. State tranquilli tale infuso non sarà nocivo per le piante ma vi aiuterà a tenere lontano il vostro gatto. Inoltre il profumo non sarà molto percepibile per gli umani ma i gatti lo avvertiranno molto forte. Spruzzate ogni una o due settimane, o comunque fino a quando non avrete ottenuto il risultato sperato.

Lavanda disponibile in sacchetti, adatti anche come semplice decoro, emana un profumo leggero e allo stesso tempo allontana gli animali.

Per armadi e cassetti, i sacchetti di lavanda sono piccoli e pratici e con una confezione elegante.

Piante repellenti per i gatti

Ci sono infine alcune piante che non piacciono ai gatti e che possono venirvi incontro per aiutarvi a tenerli lontani. Provate a piantate lungo i confini della vostra proprietà, o intervallate ad altre piante, erbe che non sono gradite ai gatti: citronella, lavanda, rosmarino e spicchi d’aglio. Sono tutte piante repellenti per i felini.

Dopo aver fatto tutto questo non dimenticate però di creare nella vostra proprietà uno spazio particolarmente comodo e gradito per i gatti, che in questo modo prediligeranno tale zona e non andranno nelle altre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

coccinella
Animali

Cosa mangia una coccinella?

15 agosto 2017 di Notizie

A seconda della specie di appartenenza, la coccinella può mangiare larve, vari tipi di insetti, polline o funghi delle foglie.