Come preparare le polpette rustiche

Guide

Come preparare le polpette rustiche

Le polpette fritte rustiche, sono una pietanza intramontabile, composte da carne macinata, uova, formaggio, arricchiate dal sapore deciso della mortadella e della salsiccia sono presenti sulla tavola di ogni famiglia.
Le polpette fritte rustiche vengono servite come secondo piatto, e per la loro praticità di trasporto, e la loro bontà anche se fredde, possono essere gustate durante una gita o un picnic fuori porta.

Ingredienti
Carne bovina

(o di suino) macinata 500 gr
Parmigiano Reggiano

grattugiato 80 gr
Pecorino

grattugiato 80 gr
Uova

2 grandi
Prezzemolo

tritato 3 cucchiai
Aglio

1 spicchio
Pepe

a mulinello secondo i gusti
Sale

q.b.
Pane

tipo pagnotta 250 gr
Mortadella

2 fette da 75 gr l’una
Salsiccia

fresca 100 gr
Finocchietto selvatico

q.b.
Noce moscata

una spolverata

…per friggere
Olio di semi

Per fare le polpette fritte rustiche, iniziate eliminando la crosta dalla pagnotta di pane, e ricavatene dei tocchetti. Tritate il pane in un mixer fino a sbriciolarlo.

In una capiente ciotola mettete la carne macinata, la salsiccia sgranata e privata della pelle esterna e la mortadella tritata (potete tritare la mortadella utilizzando un mixer).

Tritate il prezzemolo e aggiungetelo all’impasto. Unite ora gli aromi: noce moscata, finocchietto, sale e pepe,

il parmigiano e il pecorino grattugiati, lo spicchio d’aglio tritato, e le uova sbattute.

Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo, morbido e compatto (se dovesse risultare troppo asciutto potete aggiungere un altro uovo). Per ultimo aggiungete il pane e amalgamate nuovamente. Prendete una grossa noce di impasto, fate una polpetta e

datele una forma ovale. Passate le polpette nel pangrattato, scaldate dell’olio in una padella antiaderente e quando sarà ben caldo immergetevi le polpette e fatele cuocere girandole di tanto in tanto fino a che risulteranno uniformemente dorate. Scolatele su carta assorbente da cucina e servite le polpette fritte rustiche ancora calde!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*