Come purificare l’acqua con tecniche antiche

Guide

Come purificare l’acqua con tecniche antiche

L’alto tasso di inquinamento va di pari passo con un alto tasso di contaminazione dell’acqua. L’acqua contaminata deve sempre essere filtrata dallo sporco, dai detriti e dai vari batteri in modo da poter essere utilizzata per bere, cucinare o per conservarla. La maggior parte dei metodi tecnologicamente avanzati è stata sviluppata nel corso degli anni, ma molti metodi tradizionali sono ancora efficaci.

Bollitura

Bollire per uccidere i microrganismi nell’acqua è efficace se fatto nella maniera corretta. Dalle prime bolle, vengono uccisi molti batteri e protozoi, ma per poter uccidere tutti i batteri è necessario far bollire l’acqua per almeno tre minuti dopo le prime bolle. Gli agenti chimici inquinanti non vengono eliminati durante l’ebollizione. Dato che la bollitura può lasciare un sapore di stantio e l’acqua bollita non può essere utilizzata immediatamente (deve prima raffreddarsi), non è il metodo più efficace per purificare l’acqua.

Tintura di iodio

La tintura di iodio elimina in maniera efficace i virus, i batteri e i protozoi che potrebbero essere presenti nell’acqua, ma lascia un sapore sgradevole per molti. La quantità di tintura di iodio necessaria per purificare l’acqua aumenta di pari passo con la quantità di detriti e sporcizia presenti nell’acqua. La temperatura gioca un ruolo fondamentale nella quantità di tempo necessaria per una corretta purificazione. Più fredda è l’acqua, più tempo sarà necessario per purificarla. Le donne incinte e coloro con problemi di tiroide non dovrebbero bere acqua che sia stata trattata con tintura di iodio.

Candeggina

La clorazione dell’acqua la rende pulita forzando la sporcizia e i detriti a depositarsi sul fondo del contenitore. L’American Red Cross (Croce Rossa americana) raccomanda di utilizzare una candeggina che contenga il 5.25% di idrocloruro di sodio. Aggiungere 16 gocce di candeggina per 4 litri d’acqua, mescolare e lasciare in posa per 30 minuti in modo da purificare correttamente l’acqua. Siccome il cloro è velenoso, utilizzarne troppo potrebbe causare malattie e portare alla morte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...